Messinaierieoggi.it Gallerie Fotografiche
RSS

vascelluzzo2.jpg

Ѐ una delle tradizioni più antiche di Messina
Il Vascelluzzo è legato alla tradizione di un vascello che sarebbe giunto a Messina durante l'assedio di Carlo I d'Angiò (maggio - settembre 1282) a seguito del Vespro siciliano. La città era stremata dalla carestia a seguito dell'embargo angioino ed invocò l'aiuto della Madonna della Lettera, patrona della città. Il vascello, che la tradizione vuole sia arrivato carico di rifornimenti alimentari, è attribuito popolarmente ad un miracolo della Madonna. La tradizione narra che il vascello sarebbe giunto in città con il proprio prezioso carico passando indenne il blocco navale del Re di Napoli, Carlo.

La Processione del Vascelluzzo è una funzione della religione cattolica che si svolge a Messina, in Sicilia, nella domenica del Corpus Domini, organizzata dalla Confraternita Santa Maria di Portosalvo. Portare in processione il Vascelluzzo ha un significato preciso per i messinesi: ricordare e ringraziare la Madonna, protettrice di Messina, per tutte le volte in cui la città venne salvata dalla fame e dalle carestie grazie all’arrivo nel porto di galeoni carichi di grano.

 vascelluzzo1.jpg

Il Vascelluzzo è un vascello a tre alberi lungo circa un metro con l'anima in legno rivestito da lamine d'argento finemente lavorate a cesello, i cui interventi degli argentieri sono da ascriversi per circa tre secoli. Durante la Processione Eucaristica sul vascello argenteo viene posta la reliquia del Sacro Capello della Madonna della Lettera.

Il Vascelluzzo, adorno appunto di spighe di grano, viene portato a spalla dalla Chiesa di Santa Maria dei Marinai al Duomo; qui, su due dei suoi alberi viene fissato sotto una corona regale sorretta da due puttini alati, un reliquario contenente i “Sacri Capelli” con cui Maria, secondo la tradizione, legò la lettera che inviò ai messinesi. Dal Duomo, in serata, parte la processione: a sfilare per le vie principali del centro, insieme all’ostensorio con il SS. Sacramento, anche il Vascelluzzo. Una volta conclusa, e riconsegnata la preziosa reliquia, il Vascelluzzo è riportato alla chiesa dei Marinai e le spighe di grano vengono distribuite ai fedeli, che le custodiscono in casa in segno di augurale abbondanza.

 

Indietro
 
 
Powered by Phoca Gallery

Menu Video

Gallerie Fotografiche

Pubblicità

Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire