(24/04/17) Terremoti e Maremoti nello Stretto di Messina.

  Importante Convegno su tematiche di assoluta attuali...
Leggi tutto...

(21/04/17) XV MEETING M2G

GUANELLIANI. "CHIAMATI... IN TUTTI I SENSI" A Messina i...
Leggi tutto...

(20/04/17) Comunicati Ufficio Stampa del Comune di Messina

  Ufficio stampa Comune di ...
Leggi tutto...

(10/04/17) La festa degli "Spampanati" la Domenica di Pasqua

  spampanati Retaggio di antiche tradizioni devozionali...
Leggi tutto...
La Cardiochirurgia a Messina.
AddThis Social Bookmark Button

Regione Sicilia

Azienda Ospedaliera "Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte"

U.O.CARDIOCHIRURGIA

Direttore: Dr. F. Patanè, responsabile del  "Dipartimento Cardiotoracovascolare" che comprende le UU.OO.CC. (Unità operativa complessa) e le relative UU.OO.SS. (Unità operative semplici) di Cardiologia, Cardiochirurgia, Chirurgia toracica e Chirurgia vascolare.

Contrada Sperone - 98158 Messina

Tel.: 090 - 3993519/3993321/399331



Trattamento chirurgico delle cardiomiopatie dilatative

Lo scompenso cardiaco congestizio rappresenta una patologia in progressivo aumento, la cui prognosi nelle forme avanzate resta particolarmente severa. Per tutti quei pazienti che si trovano in una condizione di scompenso cardiaco terminale non più responsivo alla terapia medica, per lungo tempo, l'unica opzione terapeutica possibile è stato il trapianto cardiaco.

Per anni il trapianto cardiaco è stato al tempo stesso il "gold standard" e "l'ultima spiaggia" per i pazienti in scompenso cardiaco cronico, affetti da una cardiomiopatia ipocinetico dilatativa, qualunque ne fosse l'eziologia di base.

Attualmente sono state sviluppate tecniche chirurgiche che permettono di migliorare sia la qualità che l'aspettativa di vita di questa categoria di pazienti, cercando di sostituire o quanto meno dilazionare nel tempo l'opzione trapiantologica.

Le tecniche di rimodellamento del ventricolo sinistro e della chirurgia riparativa della valvola mitrale, oltre alla resincronizzazione ventricolare ed alla prevenzione primaria delle aritmie maligne mediante l'impianto di PM biventricolari-defibrillatori, consentono di ottenere ottimi risultati sia in termini di outcome sia in termini di miglioramento della qualità di vita.

A questo scopo sono stati creati anelli protesici mitralici sempre più specifici, che permettono di correggere in maniera pressoché totale il meccanismo dell'insufficienza valvolare, che in questo gruppo di pazienti è di natura funzionale: ossia, ripristinando i corretti rapporti anatomici tra le varie componenti dell'apparato valvolare mitralico si ottiene la continenza della valvola stessa, che di per sé non presenta alterazioni morfologiche.

La resincronizzazione ventricolare, ossia la corretta sincronia di contrazione dei due ventricoli, che spesso risulta essere ritardata, permette di migliorare la funzione cardiaca, incrementando la frazione di eiezione.

Tutto ciò, tuttavia, si rende possibile solamente qualora vi sia una cooperazione tra l'equipe cardiochirurgica e cardiologica.

La chirurgia dello "scompenso cardiaco" è estremamente complessa e viene effettuata solo in centri di alto livello, e deve essere lasciata a mani esperte come quelle del Dott. Francesco Patanè, la cui fama ed esperienza in questo campo sono conosciute non solo a livello nazionale ma anche europeo.

La valente collaborazione della U.O.C, di Cardiologia, eccellentemente diretta dal Dr. Giovanni Consolo e del Dr. Giuseppe Busà, responsabile del Laboratorio di Elettrofisiologia, ci permette di completare la procedura con la resincronizzazione ventricolare, migliorando ulteriormente la qualità di vita del paziente. Inoltre, l'impianto di un PM biventricolare-defibrillatore consente anche una prevenzione primaria delle aritmie maligne ventricolari.

Concludendo, la terapia dello scompenso cardiaco è una valida alternativa temporanea al trapianto cardiaco, e si deve avvalere della collaborazione del cardiologo e del cardiochirurgo al fine di ottenere i risultati migliori per il paziente.

 
Il Direttore Generale Michele Vullo, il Cardiochirurgo Francesco Patanè
e il primario di anestesiologia Tanino Sutera

Eseguito il primo trapianto di cuor artificiale a Messina

Il 18 luglio 2014 nel salone delle conferenze del'Ospedale Papardo a Messina si è tenuta una conferenza stampa per comunicare l'esito positivo del primo intervento di trapianto di cuore. Erano presenti il Direttore Generale Michele Vullo, il Cardiochirurgo Francesco Patanè e il primario di anestesiologia Tanino Sutera.


L'intervento straordinario è stato eseguito con una tecnica innovativa utilizzando strumenti all'avanguardia e con uno staff specialistico di notevole spessore. Il tutto per ridare speranza di sopravivenza ad un settantenne messinese.
Il trapianto di cuore artificiale,fino ad ieri trattato solo in centri altamente specialistici e di notevole eccellenza come ad esempio quelli americani, oggi grazie alla tenacia del dottore Francesco Patanè primario di Cardiochirurgia a Papardo e a tutto il suo staff si può fare anche a Messina.

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.


Il tutto dopo aver inserito un piccolo strumento chiamato"HeartWare" nel cuore di un settantenne messinese.
L'uomo aveva una apettativa di vita inferiore ad un anno, oggi ha una nuova speranza. L'intervento è stato eseguito con una tecnica mini invasiva senza apertura dello sterno e a cuore battente che minimizza ?il rischio operativo e post operatorio. Il dottore Patanè felice, per i riusultato ottenuto, ha anche detto che il paziente è già ritornato in reparto con grande sodisfazione di tutte le equipe, chirurgica, anestiosologica, da quella infermieristica e di tutti quelli che hanno collaborato.   

 

Prestazioni chirurgiche

La scheda del reparto

Galleria fotografica del reparto

Il sito ufficiale dell'Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Papardo - Piemonte


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.