(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
Divertimento Poetico Siciliano
AddThis Social Bookmark Button

Liberamente tratto dalla prima satira Di Quinto Orazio Flacco di Dino Vadalà

 

  • Pirchì o Mecenati,
    Mai di lor sorti sentu
    L’omini  appagati,  
    Sia che ‘ppi so talentu
    L’abbianu scigliuta,
    O ‘ppi ‘nu stranu  eventu
    Du ciel saria caduta.


    Vannu inveci ludannu
     A Chiddi ch’autru fannu.


    “ Beatu si tu mércanti”
    Trona lu surdatu
    Ccù l’ossa scricculanti
    Ppi quantu n’ha passatu.


    E quannu  cchiù violenti
    Infurianu i  Libecci,
    chi grida trepidanti
    lu poviru mircanti?


    “ Megghiu  essir surdatu,
    Cchiuttostu che ‘ppi mari
    Du ventu sbattuliatu!
    ‘Nton coppu veni morti
    O ti rifai la sorti!”


    Chi dici l’avvocatu
    For d’ura ruspigghiatu
    A chiddu di campagna
    Chi la so porta scugna?
    “ Città  e camurria,
    Megghiu è la fatturia”.


    E cu du so casali
    Parti di bon matinu
    ‘ppi andari  ai tribunali,
    Essiri cittadinu
    Vurria dintra ‘u so cori.


    E quanti di sti fatti
    Ti ‘nni putria cuntari
    E tu putristi diri:
    “A unni vuoi parari?”


    Vegnu  e mi spiegu dunca:
    Peracasu mittendu
    Che un diu ddà su regnanti
    Sti paroli sintendu,
    di surdatu e mercanti,
    ci sfirria d’esaudir,
    iddi accussì diria:

     
    “ Iam faciam quod vulitis!


    Tu fosti un dur soldato?
    Immantinentemente
    Diventerai mercante;
    Jureconsultu eri?
    Or contadin sarai.
    Heia Heia! Quid statis?


    Stu scanciamentu i robbi
    Ora cchiù non v’aggrada?
    Chista è vera malcrìanza
    Sèntiri cchiù non vogghiu
    Questa vostra lagnanza!
    E ‘ppu restu di jorna,
    rumpitivi li corna!”


    Ma or gli scherzi o bandu,
    ancu si cu ‘nni vieta
    ‘u veru dir ‘bbàbbiandu!


    ‘Ppi quali intentu raru
    Fannu i faticuri:
    surdatu e marinaru,
    vinaru e zappaturi?
    ‘Ppi truvari da vecchi
    La robba dintra i sacchi!


    Comu ‘nta favuledda
    Chi narra alla genti
    Di la furmiculedda
    Quantu è prividenti,
    E porta ‘nta l’acervu,
    ccu duru so travagghiu
    chiddu chi ‘nta l’unvernu
    a fa campari megghiu.


    E quannu l’Acquarìu,
    che appena ripartìu,
    l’annu novu amareggia,
    saggia idda s’azzicca
    sicura ‘nta so mecca
    ‘ccussì si cumpania
    tutta a so mercanzia.


    Ma a vui ‘ncavagnaturi
    Chi mai siti contenti  
    D’arraccattar dinari,
    Non vi ci poti nenti:
    né l’unvernu friddusu,
    o la calura estiva,
    né mari timpistusu
    o guerra distruttiva,
    sempri  assicutandu
    cu sordi cchiù di vui 
    ancor ‘nni sta cugghiendu!


    Giuva scavar ‘na fossa
    ‘ppi metterci dinari
    Ca  un assi si riduciun
    Quannu ‘i cunsumirai ?


    E allor, dimmi a qual cacchiu
    Ti servi quest’ammucchiu?


    Chi ci ‘nni può futtìri
    A cu  filici campa,
    d’arari centu iùgeri
    o ‘na piccitta ràsula.


    Soàvi cosa è certa,
    livar da un grand’ammassu;
    Ma si ‘na eguali parti
    Anch’io cavari possu
    Da cchiù scarsa catasta,
    pirchì li to’ granài,
    cchiù di li me cannistri
    chiuttostu loderai ?


    A cu ci piaci bìviri
    Oltri la so’ misura
    L’Ofantu ‘u può travùlgiri
    Senza mi si ‘nn’adduna;
    mentri cu s’accuntenta
    di chiddu chi ci basta,      
    non bivi acqua limusa
    e si godi la vita.


    Dill’omini gran parti,
    Di cupidigia prisa
    Dici ccu voci forti:
    “ Nenti è mai abbastanza,
    pirchì ognunu vali
    quantu è la so sustanza.”


    Chi fari a un di chisti?
    Cundannarlu a ristari
    Un miseru ‘nn’ abbasti!


     Comu quel tal d’Ateni,
    Tantu spilorciu e riccu,
    Si ‘nni futtia un cacchiu
    Zoccu d’iddu dicìunu
    Taluni maldicenti;
    E a  iddi sprizzanti
    Accussì rispunnia:
    “ Solu li me denari
    Mi dannu gudimentu,
    M’ascialu a talìari
    dintra li me forzieri!”


    ‘Nna favula ‘nni cunta
    Di Tantalu l’avaru,
    Chi ‘ppi gran fami smunta
    avia la so persuna,
    e ‘dda siti avvilutu
    ancor ‘cchiù era ‘mpizzatu.


    A ccu ci ridi sròligu!
    Ccu  lu nomi scancìatu
    Stu perfidu castigu,
    supra di ‘ttia è cuciutu.


    A bucca aperta giaci,
    ‘nte sacchi ricugghìuti
    E nun ci pensi a spénnirli
    e ti li vuoi a guardari 
    comu quadri ‘mpizzati
    ‘mmi non ti fai rubari.


    Legumi, vinu e pani
    voli matri natura
    ‘ppi ogni so’ creatura,
    si fussi d’issi priva,
    saria assai scunsulàta!


    Notti e jornu vigghiandu 
    Menzu mortu ‘ppu scantu:
    I ladruni  aspittandu
    Chi si fùttunu a roba;
    chi focu devastanti
    Bruciria la casa.


    sti cosi aju ragiùnatu,
    megghiu essirni esintatu!
    E si un malannu poi
    Supra a ‘ttia sta sprucchiannu
    Hai cu ti dà cunfortu,
    ‘Ppi non finìri mortu?


     Mugghieri si ‘nni futti,
    lu figghiu si ‘nni sbatti,
    E  aspetta lu vicinu
    chi prestu l’occhi chiudi ,
    tantu di ‘ttia su stufi!


    Ora ti meravigghi
    Si nuddu ti cunsìdira,
    Ma dimmi a beddu cori:
    Ti meriti l’affettu
    Si la ricchezza poni
    Sempri davanti a tuttu?


    E ‘nsumma , ora basta
    Ca smania di guadagnu,
    quannu cchiù du duvutu
    dinari ‘nna summatu,
    poviru nun sarai
    ‘nton vìdiri e svidìri.


    D’accrisciri dinari
    Sta frenesia allista,
    chiddu chi tu vulivi
    ormai  avutu l’hai,
    Annunca amicu miu,
    sai comu ti cummini?


    Comu quel tal Ummìdiu:
    Riccu quant’un nababbu
    La so munita d’oru
    Cuntava a staiàti,
    Quannu a un certu puntu,
    ‘na fimmina spucchiusa
    -Magari un po’ jarusa –
    Comu la figghia i Tindaru,
    Ca scuri lu tagghiò ,
    Spaccannulu a mità.


    Tu allur putristi diri:
    Dimmi comu a campari!
    Comu Neviu u spilorciu,
    O comu Nomentanu
    Veru scialacquaturi?


    Ci sta ‘nna via di menzu,
    ‘Na misura ‘nte cosi,
    Cunfini stabiluti
    Signati du bon sensu,
    Oltri li quali certu,
    Di ‘na parti o n’autra
    Non puoi truvaru u giustu.


    E ‘ppi fartilu sèntiri
    In latinu perfectu:
    Nequit  rectu consistere.

     
    Ma doppu stu sproloquio
    Mi pari chi turnammu
    Di unni ‘nni partemmu,
    Ccù dubbiu ‘nta  la menti
    D’aviri  già sfiancatu
    Di tutti la pacenza.


    E ‘ppi chiudiri a sàtira
    Del grande pinsaturi
    Quintu Flaccu Orazìu
    -Spirandu chi di iddu
    ‘Non ‘nni fici straziu –
    Lassatimi aggiungiri
    N’autra sula quartina:
    All’usu sicilianu,
    ‘ppi strinciri ‘u concettu
    Prima chi mi ricettu:

    ‘U picca chi ‘nni tocca,
    Facemulu abbastari,
    Chi tantu l’eccedenti,
    Spessu nun servi a nenti.

  • Dino Vadalà

    Messina 12.03.2010

    Riveduta il 17.01.2013

     

     

     


        


 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.