(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...

(16/05/18) Messina nei secoli d'oro

mesecoro Messina fu originariamente fondata da coloni e da...
Leggi tutto...

(09/05/18) Le Targhe della Memoria della città di Messina

  Leggi il libro in pdf La recensione di Antonino ...
Leggi tutto...

(09/05/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...
Chiesa di Gesù e Maria delle Trombe
AddThis Social Bookmark Button

Sulla  via San Giovanni Bosco, nello stesso corpo edilizio dell’isolato 244,  esiste una chiesa barocca intitolata a Maria e Gesù delle Trombe, così detta per le vicine tubazioni del civico acquedotto, dette volgarmente .

Fatta costruire nel 1626 da Padre Antonio Fermo da Gesso, era decorata con marmi, stucchi e cornici; aveva anche oratori e due Cappelle per lato, due delle quali erano più grandi della navata centrale.

Tutto questo andò distrutto con il terremoto del 1908. Dopo il sisma, la ricostruzione della chiesa  ebbe inizio nel 1918 col suo rimpicciolimento, tanto che oggi si presenta con un' unica navata.

L’opera più preziosa che si conserva è un Bambino Gesù in cera, detto "delle Lacrime", perché lacrimò prodigiosamente diverse volte mentre era ancora custodito nella chiesa di S. Gioacchino.

La chiesetta ha l’altare maggiore in stile barocco a tarsie  marmoree, sovrastato da una nicchia coronata da una testina d’angelo. Si conserva anche un prezioso confessionale in legno scuro massiccio del ‘600. Fra i dipinti, anche due tavole raffiguranti Sant’Ignazio e San Filippo Neri, attribuite al Paladino. 

 

Galleria fotografica


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.