(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
" 'U Pagghiaru" di Bordonaro
AddThis Social Bookmark Button

“‘U Pagghiaru“ di Bordonaro, villaggio collinare di Messina, è sostanzialmente, nella forma odierna, un albero della cuccagna.

Indagini più accurate fanno risalire la sua origine all’XI secolo, introdotto dai Padri Basiliani che portarono dall’Armenia l’uso di festeggiare il giorno del Battesimo del Signore con riti solenni celebrati sotto un grande albero a forma di capanna.

Alcuni giorni prima dell’Epifania, un gruppo di persone si reca sui monti vicini per raccogliere i rami da utilizzare per la costruzione del Pagghiaru; generalmente si tratta di rami di corbezzoli, in dialetto locale detti “’mbriacheddi “ perchè era usanza, un tempo, mangiarli in osteria bevendo il vino.

 



Successivamente, in progressione, si erige il palo di sostegno; si assembla la ”cruciera”,  che consiste in una grande ruota composta da due cerchioni di ferro dove vengono fermati, a doppia croce quadra, dei tronchi d’albero; s’innalza la ”cruciera”; si appronta il fasciame esterno, intrecciato secondo le antiche tecniche dei cestai;  si riveste lo scheletro con rami di corbezzolo; si addobba  con arance, limoni, mandarini, ciambelle di pane azzimo, tondini di cartone colorato e cotone idrofilo; si colloca infine, alla sommità del Pagghiaru, una croce ricoperta d’arance, ciambelle, salsiccia.

Sarà questa croce il palio della vittoria agognato da tutti gli scalatori. 
       
Il giorno della festa dell’Epifania, il 6 gennaio, dopo aver celebrato la Santa Messa il parroco si avvia seguito dalla folla di fedeli e dagli scalatori verso lo spiazzo dove è stato eretto “‘u Pagghiaru “.

 

La preparazione dell'albero

Dopo la benedizione i concorrenti, al segnale di partenza, iniziano ad arrampicarsi sull’intelaiatura oscillante cercando di arrivare per primi in cima e conquistare la croce sommitale.

Il vincitore viene acclamato e portato in trionfo mentre tutti gli altri spogliano l’albero, lanciando sulla folla gli addobbi che assumono, così, una funzione apotropaico-devozionale.

La scalata al “Pagghiaru”, che è sottolineata nel suo svolgersi dalle note di suonatori di zampogna, si conclude con il tradizionale spettacolo del  “cavadduzzu e l’omu sabbaggiu“, uno spettacolo pirotecnico dove due uomini si collocano dentro strutture di legno a rappresentare un animale ed un uomo selvaggio, in una sorta di lotta-pantomima con scoppi di petardi, mortaretti ed accensione di fiaccole.

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.