(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
I Palii di barche
AddThis Social Bookmark Button

I “palii marinari” erano, un tempo, gli unici momenti di svago e di divertimento lungo i Villaggi della Riviera. Così, insieme alle feste religiose, si organizzavano gare di barche tra le Contrade marinare che, durante queste manifestazioni, mettevano allo scoperto le rivalità esistenti tra i diversi Villaggi.

Tutte le gare si effettuavano con le usuali barche da pesca che differivano tra loro a seconda dell’appartenenza rivierasca. Oggi, riprendendo l’antica usanza, si sono riproposti i palii con le stesse tradizioni e rivalità di sempre.

Un tempo era uso conquistarsi il posto di gara con il lancio dell’arpione sulla spiaggia prima della partenza, nel corso del quale si dimostravano le capacità dei lanciatori che, quasi sempre, erano i “lanzaturi “ delle feluche della caccia al Pesce Spada: con un lancio preciso si guadagnava il posto migliore in maniera da sfruttare al meglio le correnti del momento.

Uno di questi palii è quello della “Madonna di Grotta” che si effettua, ancora oggi, il giorno della festa della Madonna delle Grazie, a settembre.

Il percorso di gara va da Fiumara Guardia alla Chiesa di Grotta con la differenza che, mentre una volta le gare erano distinte per barche a vela, barche a remi a quattro, sei, otto rematori con timoniere, oggi la competizione è una sola, a sei rematori con timoniere.

 



La protagonista dei palii era e sarà sempre la barca “Paciota“, nata per la velocità e che per questo non monta la carena ma solo la chiglia, meglio detta “‘u primu“. Ad essa si contrappongono le barche del “Ringo”, di “Paradiso”, di “S.Agata” , “Ganzirri” e “Torre Faro”.

Un tempo, i più agguerriti erano i “Ganzirroti“, proprio perchè abituati alla voga sul velocissimo “Luntro” ma oggi, andato in disuso questo tipo di pesca, gli avversari più accaniti sono quelli di “Paradiso e Pace”.




Il più antico, il più lungo ed impegnativo è il “Palio di Mezzagosto“ che si effettua, prima della processione della Vara, nel tratto della riviera Nord fra la Chiesa di Grotta e la stele della Madonnina del porto, con la classica  “paciota“ ad otto remi in un percorso di sei chilometri e con equipaggi delle Contrade “Paradiso”, “Pace”, “S. Agata”, “Ganzirri” e “Torre Faro”.

 

 

 

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.