(08/12/18) La storia di Babbo Natale

Da San Nicola e Santa Claus, a Babbo Natale, passando per la...
Leggi tutto...

(08/12/18) Il Presepe nella storia

Il Presepe Vivente a Castanea delle Furie (Messina). L...
Leggi tutto...

(08/12/18) Il Natale su vetro in Sicilia

natalesuvetro Mario SaricaSu quest'ultimo soggetto, c'è ...
Leggi tutto...

(07/12/18) Sulle orme dei Monaci Bizantini a Messina

bizantini ...Una gente solitaria, e mirabile più di ogni ...
Leggi tutto...
Cattedrale del SS.Salvatore
AddThis Social Bookmark Button

In Via San Giovanni Bosco, parallela a monte del Corso Cavour, sorge la chiesa del SS. Salvatore.

Fino al 1883 Messina aveva due istituzioni  religiose separate, l’Arcidiocesi Vescovile e l’Archimandritato Basiliano, rette da un Arcivescovo e da un Archimandrita.

Dopo il 1860 le due istituzioni vennero unificate. Oggi, l’ Arcivescovo esercita tutt'e  due le funzioni.

La prima  Cattedrale del SS. Salvatore fu eretta da  Ruggero il Normanno e da suo figlio Ruggero II,  e sorgeva nella parte terminale della penisola di San Raineri. Fu abbattuta nel 1535 per ordine di Carlo V,  che aveva autorizzato il Senato a rinforzare le mura delle fortificazioni militari del porto facendo costruir, sulla punta della falce, il Castello del SS. Salvatore.

Nel 1549 i Padri Basiliani si trasferirono a nord della città, nell’area della Spianata dei Greci dove oggi sorge il Museo, e lì costruirono una nuova chiesa ed un nuovo convento.

Distrutti questi edifici dal terremoto del 1908, Mons. Paino riuscì ad ottenere dal Comune un terreno molto ampio dove costruire la nuova Cattedrale dell’Archimandritato progettata dall’ ing. D’Amore e  realizzata dalla ditta Piazzoli.

L’attuale edificio comprende la nuova Cattedrale dell’Archimandritato e un’ istituzione religiosa con scuole, cinema, palestre e oratorio , gestita dai Padri Salesiani di San Giovanni Bosco.La chiesa è a pianta rettangolare, lunga mt. 105 e larga mt. 56.

Il prospetto  si distingue per un timpano entro il quale risalta  una figura di Cristo, opera del messinese Sutera, sormontato da una cupola che fa da baricentro a tutto il complesso.

L’interno è a tre navate divise da una doppia fila di colonne con stucchi  e decorazioni barocche.Si conservano opere pittoriche del  Mongari, Stramondo, Crida, Barone ed Impallomeni. 

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.