(08/12/18) La storia di Babbo Natale

Da San Nicola e Santa Claus, a Babbo Natale, passando per la...
Leggi tutto...

(08/12/18) Il Presepe nella storia

Il Presepe Vivente a Castanea delle Furie (Messina). L...
Leggi tutto...

(08/12/18) Il Natale su vetro in Sicilia

natalesuvetro Mario SaricaSu quest'ultimo soggetto, c'è ...
Leggi tutto...

(07/12/18) Sulle orme dei Monaci Bizantini a Messina

bizantini ...Una gente solitaria, e mirabile più di ogni ...
Leggi tutto...
Il Museo Nello Cassata
AddThis Social Bookmark Button

  

Il Museo Etno – Antropologico "Nello Cassata" a Barcellona Pozzo di Gotto

Sorge nella contrada Manno del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto e si raggiunge  dopo  35 chilometri di autostrada  da Messina e 5 chilometri da Milazzo. 

Il Museo è’ allocato in un edificio a tre piani appositamente costruito e dove sono conservati, nei primi due, più di dodicimila pezzi suddivisi per arti e mestieri; il terzo piano è destinato, invece, alla biblioteca – emeroteca che raccoglie in maniera sistematica tutte le pubblicazioni utili alla ricerca sugli usi e costumi della Sicilia del passato.

Il primo nucleo della collezione venne istituito dall’avvocato Nello Cassata, appassionato di storia e di poesia, per conservare e tramandare ai posteri gli oggetti relativi agli usi, ai costumi ed ai mestieri della comunità barcellonese di un tempo. Il museo custodisce, infatti, gli attrezzi di lavoro dei vasai, fabbri ferrai, maniscalchi, ebanisti, intarsiatori di legno, orafi, argentieri, stuccatori, calafatari, tornitori, sarti, costruttori e decoratori di carretti.

Per quel che riguarda la cultura contadina ed agro–pastorale sono, ad esempio, conservate le grandi vasche (palmenti) dove si pestava l’uva; gli strumenti usati dagli  “spiritari ” per estrarre l’alcool dagli agrumi; gli aratri, le falci e una grande macina in pietra utilizzata nei “trappiti “ per spremere le olive.

Non mancano gli oggetti caratteristici di professioni, come quelle del medico e del dentista, mentre, per alcune attività artigiane come quelle di dolciere e pasticciere, sono stati ricostruiti gli arredamenti originali interni.

Interessante e suggestiva, in proposito, la ricostruzione con pezzi originali  di una barberia degli anni ’20 dove,  accanto a rasoi  a lama che si affilavano con pietre di mola e cintura di cuoio, pennelli, spazzole, pettini, si trova anche una chitarra che veniva suonata dai clienti per ingannare il tempo dell’attesa.    

 

 

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.