(25/03/17) Mino Licordari

Mino Licordari (1942-2016) Questa pagina è dedicata a Mi...
Leggi tutto...

(25/03/17) Maria Costa a "liberi e forti"

Maria Costa nella sua casa di Case Basse Paradiso La nota...
Leggi tutto...

(20/03/17) Le case settecentesche di via Cesare Battisti

Sorgono, ancora per poco, lungo la parte sud della via Ce...
Leggi tutto...

(20/03/17) Il nome Camaro

  Camaro (latino Camàris-Cammàrae; siciliano Camàru...
Leggi tutto...
Sacrario di Cristo Re
AddThis Social Bookmark Button

Il Sacrario di Cristo Re è situato sulla circonvallazione della città e si raggiunge percorrendo il Viale Principe Umberto, il Viale Regina Elena o il Viale Boccetta . 

Il tempio si sviluppa su una superficie di oltre 600 mq. e si  eleva su una altura che, panoramicamente, è una delle più belle della città, in passato sede del Castello di Roccaguelfonia  o Matagriffone.

Si presume sia stata l’acropoli della città ai tempi dei greci e dei romani, successivamente eletta residenza del governatore e,  con i normanni e gli aragonesi, Palazzo Reale. Fu sede del Senato di Messina, e, dal 1838 al 1909, carcere distrettuale. Di queste mura fortificate oggi restano  pochi avanzi.  

In questo  castello  soggiornò   anche Riccardo Cuor di Leone nel 1190 – 91, prima di partire per la Terra Santa durante la III crociata.L’attuale Sacrario è stato progettato dall’ing. Francesco Barbaro ed inaugurato nel 1937. Sulla torre  ottagonale del vecchio castello, nell’agosto  1935 è stata collocata una campana di 130 qli, fusa con il bronzo dei cannoni sottratti ai nemici durante la Prima guerra mondiale.

Il Tempio ha forma ottagonale, sormontato da una cupola segnata da otto costoloni alla base dei quali, sulla cornice, sono collocate altrettante statue in bronzo, modellate dallo scultore romano Teofilo Raggio e fuse dalla Fonderia Artistica Fiorentina:  raffigurano le virtù della Fede, Speranza,  Carità, Prudenza, Giustizia, Fortezza ,  Temperanza e quella della Religione, che le comprende tutte.   

Sopra la cupola si erge un lanternino alto sei metri con in cima una sfera di un metro di diametro sulla quale s’innalza una croce. Il frontale d’ingresso è ornato da due figure che rappresentano l’Italia e Messina.All’interno,  al centro della cripta, è collocato un sarcofago in marmo sul quale giace la figura di un soldato, opera del Bonfiglio. Nelle pareti sono ricavati un migliaio di loculi contenenti le salme dei caduti in guerra.   

 

Galleria fotografica


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.