(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
La Stele Littoria
AddThis Social Bookmark Button

"Bricolage di storia cittadina" - Rubrica  curata da Andrea Bambaci.


La stele Littoria a piazza Cairoli

 La delibera podestarile dell’On. Ferdinando Stagno D’Alcontres del 31/12/1938 – XVII, comprendeva il provvedimento per contribuire per 2/3 della spesa necessaria per erigere nella piazza Cairoli di Messina una Stele Littoria, a ricordo della prima sede dei Fasci di Combattimento Siciliani fondata a Messina il 20 novembre 1920. La Stele già progettata nello stesso anno dall’architetto palermitano Giuseppe Samonà, fu costruita nei primi mesi dell’anno successivo.

     La grande e più frequentata piazza della città, attraversata dalle più  trafficate strade, era il luogo  ideale dove  rappresentare il simbolo della potenza del potere. La stele  rivestita di travertino     simboleggiava un grande fascio stilizzato con il nome DUX a caratteri cubitali e scritte enfatiche in rilievo nei lati, e per cinque anni fu lo strumento esteriore opprimente della politica dominante.

   Dopo pochi giorni dall’ingresso in città degli eserciti alleati, l’ing. capo del  Regio Genio Civile A. Ghersi si affrettò a dare incarico verbale – la confusione di quei giorni lo consentiva – al modesto imprenditore De Francisci Nicolò di demolire in breve tempo la stele: con il piccone e un carretto l’operazione durò dal 9 settembre al 23 ottobre del 1943.

 


 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.