(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Portale del Monastero di Santa Barbara
AddThis Social Bookmark Button

La chiesa di S. Barbara, con annesso monastero denominato di S. Maria di Malfinò, in quanto fondato nel 1195 dal cavaliere messinese Leone Malfinò, nel 1348, passò dal rito greco a quello latino e sorgeva nella contrada S. Mercurio (in prossimità dell’isolato 269 in via del Vespro). Da questo sito, si trasferì nella contrada dei Carrai ed, infine, nel 1575, sulla salita del colle Tirone, nelle vicinanze dell’attuale chiesa del Carmine. La chiesa sorse su progetto di Andrea Calamech, e, nel 1725, venne ristrutturata dall’arch. Giovanni Cirino.

Nello stesso periodo, venne dato incarico a Giuseppe Crestadoro di rifare gli affreschi che erano del Paladino. Lo stesso Paladino aveva dipinto, per S. Barbara, un “Martirio di S. Barbara” ed una “Natività” che si conservano al Museo Regionale insieme con altri dipinti, tra i quali un “S. Benedetto” del Quagliata. Il portale originale di accesso al monastero, dopo il sisma del 1908, venne ricollocato nell’ingresso laterale destro della chiesa di S. Matteo a Villa Lina, in via Monte Scuderi.

Dalle alte e slanciate profilature architettoniche che rivelano ancora, alla fine del‘400, forme medievaleggianti tenacemente abbarbicate alle correnti stilistiche dell’epoca sveva ed aragonese, mentre il Rinascimento è al suo apogeo, è notevole per l’armoniosa serie di esili colonnine che compongono due pilastri a fascio su cui imposta l’arco ogivale, nella cui periferia prosegue il motivo delle fasce sottostanti con nervature.

Nella lunetta determinata dall’arco acuto e dall’architrave retto, incorniciata da una tipica serie di archetti ciechi traforati, si trova un grande altorilievo con la raffigurazione del Padre Eterno. Sull’architrave sorretto da due aggraziate mensoline sagomate raffrontate, al centro, spicca un tondo con un S. Benedetto in bassorilievo ed ai lati la data MCCCCLXXXIX (1489). Nelle sue linee complessive, il portale è simile alla quattrocentesca porta della distrutta chiesa di S. Angelo dei Rossi, oggi al Museo Regionale.

 

La galleria fotografica è in lavorazione.


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.