(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
Luna china
AddThis Social Bookmark Button

 

  •  Sta sira cu ventu s’acchetatu,
    vogghiu vidiri u brisciri da luna,
    chi di stu celu è a sula patruna:
    pari chi p’ idda u tempu s’è fermatu.
  • Quannu mi vidi sentu comu un ciatu:
    “T’arricordi quann’eri picciriddu
    ed eri tostu com’un firinghiddu,
    e cu tia stava to patri miso o latu?
  • E t’arricordi chi dicia i mia?
    Chi ‘ll’Asprumunti mi tinia ‘mmucciata
    ‘n facci i Missina bedda e custumata,
    chi Calabrisi misa ‘n cumpagnia.
  • Dopu cu suli si ’nn’avia calatu ,
    iddi pigghiaunu ranni furchittuni,
    mi spinciunu jauta comu nu palluni
    jancu, rutunnu e tuttu ‘lluminatu.
  • Passaru l’anni, s’annarunu a ‘mmucciari
    arreti all’Asprumunti calabrisi.
    ‘Ddi furchittuni unni l’hannu misi
    Chi putissiru farli arritunnari?
  • Comu vulissi patri mei disiatu
    chi donnanova tu dicissi a mia
    ‘ddu cuntu chi tannu mi piacia,
    comu si fussi appressu a mia turnatu.

          Italo Rappazzo


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.