(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...

(24/05/18) Centenario dell'Acquedotto Civico di Messina

a cura di Paolo Ullo Le opere acquedottistiche, realizzate...
Leggi tutto...

(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...
Mata e Grifone
AddThis Social Bookmark Button


Incisione di Michele Panebianco, pittore messinese dell'800 

  •  (integrazione ante litteram)

    Facci tinciuta comu nu cabbuni,
    Niri i capiddi, niru lu cavaddu,
    Armatu cu na mazza e nu spaduni,
    Chinu di boria comu fussi ‘n jaddu.
  • Iddu sinn’ja cu li so cumpari
    Tirrori ‘nta la genti sparpagghiannu,
    Quannu da na casa di Cammari
    Sintiu nu ciauru chi ci misi affannu.
  • “Fimmina bedda dunami ‘n po’‘ntisa,
    chi è stu ciauru chi mi sta arricriannu?”
    Ci arrispunniu a tappu a missinisa:
    “E’ piscistoccu a ghiotta, tutt’u sannu!
  • Si tu di sta bontà ni voi manciari
    Nun fari chiù a Missina nuddu dannu.
    Si pi mugghiera appoi mi voi pigghiari
    Tu sai c’affari tuttu comu e quannu.”
  • Bivennu vinu, si ‘nni manciò ‘n tianu
    Finiu i ’mmazzari e addivintò cristianu.

          Italo Rappazzo

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.