(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...

(16/05/18) Messina nei secoli d'oro

mesecoro Messina fu originariamente fondata da coloni e da...
Leggi tutto...

(09/05/18) Le Targhe della Memoria della città di Messina

  Leggi il libro in pdf La recensione di Antonino ...
Leggi tutto...

(09/05/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...
Natale a Messina - La sera
AddThis Social Bookmark Button
  • Fine anni ‘40

  • La sera della Vigilia – La messa di mezzanotte

  • La sera di Vigilia era occasione
    di preparare una gran mangiata,
    fatta tutta di roba prelibata
    e di cibi secondo tradizione.
    Si mostravano sopra un tavolone
    ed invitavano a farci un’abbuffata.

  • Fichi secchi incannati incandescenti,
    “partualli”, sorbe e mandarini,
    mandorle , mostarda, noci e nocciolini,
    vino cotto per i meno prudenti,
    torrone duro da far cadere i denti,
    grossi pitoni, biscotti e biscottini.

  • A fine cena tutti lì a giocare:
    la tombola era sempre declamata,
    il sette e mezzo chiudeva la serata:
    piccole somme c’era da puntare.
    Qualcuno stava sempre ad imbrogliare
    con la sua Matta che aveva ben celata.

  • Suonavano le campane sul più bello
    dal vicino tempio dell’Immacolata,
    si finiva di far quella giocata
    addio ambi, quaterne e settebello.
    Con il cappotto sciarpa ed il cappello
    si andava a sentir Messa cantata.

  • La chiesa era un tripudio di colore
    di lampadine poste fin lassù;
    dentro ad un cesto c’era il Buon Gesù,
    messo là in alto sull’altar maggiore;
    musica e coro con un bel tenore
    che dava sfoggio della sua virtù.

  • Per il lento rifluire del sermone,
    per le nenie cullanti che suonavano
    tutti i bambini che allor si appisolavano
    erano portati in grembo in processione.
    Molto era il freddo, il sonno e le persone
    per la fatica non reggevan più,
    vicino casa lor se la squagliavano,
    lasciando prete, banda e il Buon Gesù.

          Italo Rappazzo


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.