(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Michele Panebianco (1806 - 1873) pittore.
AddThis Social Bookmark Button

"Allievo del Subba,ma ben presto suo comprimario e "nemico mai perdonato", Michele Panebianco,dopo aver frequentato la scuola di disegno del Regio  Collegio Carolino,grazie ad un sussidio del Comune,si reca,nel 1828, a  Roma,dove segue i corsi dell'Accademia di San Luca e pratica gli studi di  Vincenzo Camuccini e Natale Carta.

Rientrato a Messina nel 1832,realizza una  serie di copie di opere pittoriche a tema sacro. Particolarmente importanti  per la sua formazione furono i viaggi compiuti tra il 1845 ed il 1846 a Napoli,Genova,Venezia e  soprattutto Milano, dove conobbe Hayez e Sabatelli .

Sempre nel 1852 viene  nominato direttore della Scuola di disegno e pittura dell'Università di  Messina e nel 1854,insieme ad alcuni allievi, tra cui Dario Querci, effettua  un viaggio a Roma dove si fermerà per di più di anno e mezzo . Qui viene  nominato membro della Congregazione dei Virtuosi del Pantheon . Rientrato a  Messina nel 1856 inizia un periodo fitto di commissioni a cui darà seguito  sino alla sua morte avvenuta il  5 Aprile 1873 " .

Figlio di Cosimo Caterina De Bartolo, era destinato a diventare negoziante come il padre, ma la sua passione per il disegno, convinse i genitori di permettergli di frequentare il «Regio Collegio Carolino». Allievo di Letterio Subba, ma ben presto suo nemico mai perdonato, abbandona dopo poco tempo la scuola e inizia a copiare le opere conservate nel Museo Civico messinese.

Il 19 febbraio 1828, grazie a una borsa di studio del Comune, si reca a Roma, dove segue i corsi dell'«Accademia di San Luca» e pratica gli studi di Vincenzo Camuccini e Natale Carta.
Rientrato a Messina nel 1832, realizza una serie di copie di opere pittoriche sia con soggetti religiosi che di carattere patriottico.

Particolarmente rilevanti per la sua formazione furono i viaggi compiuti tra il 1845 ed il 1846 a Napoli, Genova, Venezia e soprattutto Milano, dove conobbe Francesco Hayez e Sabatelli .
el 1852 viene nominato direttore della Scuola di disegno e pittura dell'Università di Messina.

Nel 1854, insieme ad alcuni allievi, tra cui Dario Querci, effettua un viaggio a Roma dove si fermerà per di più di anno e mezzo . Qui viene nominato membro della «Congregazione dei Virtuosi del Pantheon».
Nel 1856 rientra nella città natale dove si dedica al dipingere, numerose sono le commissioni a lui affidate, e ad insegnare, riuscendo a trasmettere a molti giovani l’amore per le arti. Muore all’età di sessantasette anni.

Alcune delle sue opere sono al Museo Regionale, Chiesa di Montevergine, Chiesa di San Benedetto(Acireale), Chiesa parrocchiale di Altolia, Basilca di Sant'Agata di Alì, Chiesa Madre di Venetico, Biblioteca Comunale di Palermo, Chiesa Madre di Barcellona Pozzo di Gotto, Chiesa Madre di Aci Sant'Antonio.

                                


Michele Panebianco - Sacra Famiglia


   Michele Panebianco - I giganti Mata e Grifone - incisione 

 

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.