(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Filastrocche messinesi
AddThis Social Bookmark Button


Riprese e riadattate da Italo Rappazzo

Ogni tanto tornano nella memoria, come per una sorta di magia, immagini, motivi, parole che appartenevano ad un tempo passato. Sono dei brevissimi flash che sono però capaci di farci rivivere, seppure per un istante, qualcosa che ormai non c’è più.
Nella piccola raccolta che segue ho voluto fissare sulla carta questi ricordi riemersi nella  memoria, alcuni addirittura come semplici frammenti.
Non travisando la struttura originaria, le ho adattate e commentate tentando per qualcuna di esse una probabile datazione.

 
La prima filastrocca prende un po’ in giro le bande musicali del tempo. Si intuisce che il motivo nascosto nel “Pani e pira” non è altro che l’inizio della celeberrima “Danza delle ore” di Amilcare Ponchielli. Questa filastrocca era canticchiata dal mio maestro quando frequentavo le elementari. Si può datare ai primi anni del ‘900.


  • Sutta di ‘ll’ammacia lu palcu c’era
    ‘A musica sunava fin’’a sira.
    ‘A musica sunava pani e pira.

  • ‘A musica sunava pira e pani.
    ‘Nu jaddu, ‘na jaddina, cu tri cani.
    Pani e pira…Pira e pani.
    Pani e pira…Pira e pani...
    Etc..etc



Nella filastrocca che segue è stato fatto un collage, facilmente rilevabile, di due noti frammenti. Da notare l’abitudine di tenere allo chalet, che fino agli anni trenta occupava gli spazi dove attualmente s’è piazzata la Fiera, concerti con bande musicali. Inoltre don Papè doveva essere un figura nota nella tradizione messinese. La datazione dovrebbe essere fine ‘800.


  • Chi lazzi chi ci ‘mpennunu
    ‘ssumigghia a don Papè.
    A musica passia
    ‘nto menzu du scialè.
  • ‘Nto menzu du scialè
    a musica passiava,
    cu Petru chi sunava
    e Tanu chi cantava.
  • Cu Tanu chi cantava
    e Petru chi sunava,
    ‘nto menzu du scialè
    a musica passiava.
  • Chi lazzi chi ci ‘mpennunu
    Ssumigghi a don Papè.  
    A musica passia
    ‘nto menzu du scialè.



Della seguente filastrocca esistono parecchie versioni, tutte meridionali ,dove solamente i protagonisti non cambiano. Anche gli ultimi versi mutano di significato di volta in volta. In questa nostra s’è voluto dare al finale una nota lievemente romantica. La filastrocca sembra che risalga a metà dell’800.
 

  •  ‘Na vota c’era ‘n re,
    Befè, biscottu e manè.
    ‘U re avia ‘na figghia,
    Befigghia, biscottu e manigghia.
    ‘A figghia avia ‘n’aceddu,
    Befeddu, biscottu e maneddu.
    Aceddu ‘n jonnu si ’nni volò,
    Befò, biscotto e manò.
    Allura ‘u re,
    Befè, biscottu e manè,
    dissi a lu suddatu,
    Befatu, biscottu e manatu:
    “ Si trovi chist’aceddu”,
    Befeddu, biscottu e maneddu,
    “Ti dugnu pi sposa a me figghia”,
    Befigghia, biscottu e manigghia.
    ‘U suddatu truvau ‘aceddu,
    Befeddu, biscottu e maneddu,
    e ci ‘u puttau ’o so re,
    Befè, biscottu e manè.
    ‘U re ‘u pigghiau cu so figghia,
    Befigghia, biscottu e manigghia,
    e ‘i mannau a passiari c’aceddu,
    Befè, biscottu e maneddu.



Quest’altra tiritera, diffusissima in tutta la Sicilia, ha anche la sua versione messinese. Questi componimenti un tempo appartenevano alla tradizione orale dell’isola. Studi recenti  hanno evidenziato in essi anche una certa funzione educativa.

  • Unu, dui e tri
    setti fimmini e ‘n tarì.
    ‘U tarì a pocu a pocu;
    setti fimmini e ‘n pricopu.
    ‘U pricopu è duci duci;
    setti fimmini e na nuci.
    E la nuci è dura dura;
    setti fimmini e na mula.
    E la mula jetta cauci;
    setti fimmini e na fauci.
    E la fauci avi i denti;
    setti fimmini e ‘n serpenti.
    E ‘u serpenti è ‘nvelenatu;
    setti fimmini e ‘n granatu. 
    E u granatu è coccia coccia;
    setti fimmini e ‘na boccia.
    E la boccia è china d’acqua;
    setti fimmini e na vacca.
    E la vacca avi i minni ;
    setti fimmini e vatinni.



Una filastrocca le cui parole, opportunamente ritmate, accompagnavano il battere della mano sul largo tamburello del venditore di oggetti carnevaleschi quali mascherine , trombette, stelle filanti, coriandoli e tamburelli di dimensioni più modeste. Io ricordo,bambino di averlo visto e sentito durante il carnevale. Se poi in epoche precedenti questo signore andasse in giro vendendo petrolio lampante questo non ve lo so dire.


  • ‘N litru i pitroliu quattoddici soddi,
    Annati a putia chinnici soddi.
    A chinnici soddi vu vinni a putia,
    Quattoddici soddi viniti unni mia.
    Viniti unni mia a quattoddici soddi,
    S’annati a putia chinnici soddi.
  • ‘N litru i pitroliu quattoddici soddi,
    Annati a putia…



Salsiccia e pignolata caratterizzavano le mangiate durante il periodo di Carnevale… poi veniva la Quaresima.

  • Figghiu mei Cannaluari
    a sosizza ti fici mali!
  • Ti fici mali la sosizza
    chi manciasti cu alligrizza.
    Ti manciasti ‘nn’alligrizza
    i caddozzi di sosizza.
    Ti manciasti ‘a pignulata
    nira , janca  e ‘nzuccarata.
    ‘Na guantera i pignulata
    janca, nira ‘nzuccarata.
    E ddu litri i cirasolu
    ti bivisti tuttu sulu.
    Na gran rota di sosizza,
    ti manciasti ‘nn’alligrizza.
    Ni manciasti ‘nn’bbunnanza
    e ti vinni u mali i panza.
  • Figghiu mei Cannaluari
    a sosizza ti fici mali!




Anticamente a Messina la Gloria veniva suonata alle ore 11 del Sabato precedente la Domenica di Pasqua.
Mentre le campane suonavano a stormo, accompagnate dalle sirene delle navi nel porto, si mangiava  la Cuddura- dal greco kulloura: corona- accompagnandola con salame e favette fresche.

 


  • A Gloria sunau
    A cuddura si spizzau.
    Si spizzau a mossa a mossa
    A cuddura sinza l’ossa.
    A cuddura a panareddu
    Cu ‘ddu ova ‘nto cesteddu.
    ‘Na manciamu’n ‘alleria
    Tutti quanti ‘ncumpagnia.
    E s’avemu ancora fami,
    Quattru feddi di salami.
    Chi favuzzi frischi assai
    Chi ni levunu di guai.
    ‘A Gloria sunau.
    ‘U Signuri risuscitau!



Questa filastrocca non ha un’età ben definita.  Ricordo che veniva recitata negli anni 40/50 soprattutto quando iniziava a piovere. Forse inizialmente era una ninna nanna.


  •  Chiovi, chiovi, chiovi
    L’acqua di li bovi.
    Li bovi si maritaru,
    non sacciu a cu pigghiaru.
    Si pigghiaru a Maggarita
    cu na coppula di sita.
    Maggarita ‘mpastava ‘u pani;
    tutti i muschi ci annaunu ‘ddani.
    Ci annaunu  a centu a centu.
    Maggarita nun avia abbentu.
    Nun avia abbentu Maggarita
    cu na coppula di sita.

  • Cu na coppula di sita
    si maritau Maggarita.
    Maggarita si maritau
    e non sacciu a cu pigghiau.
    Cu pigghiau Maggarita
    cu na coppula di sita?
    Maggarita ‘mpastava ‘u pani;
    tutti i muschi ci annaunu ‘ddani.
    Ci annaunu a cientu a cientu
    Maggarita non avia chiù abbentu.
    Non avia chiù abbentu Maggarita ,
    cu na coppula di sita.



Altra celeberrima filastrocca, interpretata in diversa maniera in tutta l’isola.

  • Dumani è duminica:
    ci tagghiamu a testa a Minica.
    Minica non c’è:
    ci tagghiamu ‘a testa ‘o re.
    ‘U re è malatu:
    ci tagghiamu a testa ‘o suddatu.
    ‘U suddatu è a la guerra:
    ni battemu ‘u culu ‘nterra.
    E si terra nun ci’nn’è:
    ci tagghiamu a testa ‘o re.
    E si ‘o re è malatu:
    ci tagghiamu a test ‘o suddatu.
    E si ‘u suddatu è a la guerra:
    vi battiti ‘u culu ‘n terra.
    E si terra nun ci ‘nn’è:
    Etc..etc
  •  


Ricordo che questa  filastrocca era canticchiata da mio padre, che sicuramente l’avrà appresa quando era bambino. Dunque probabilmente è di fine ‘800.
  

  • A mugghieri du cinisi,
    ghiantaturi di linticchia,
    si chiamava Piripicchia:
    Piripicchia du me cor.

  • Du me cori Piripicchia,
    chi ghiantava la linticchia,
    cu cinisi la gghiantava
    finu a quannu non junnava.

  • Finu a quannu non junnava
    ‘u cinisi la gghiantava.
    E gghiantava la linticchia
    ca mugghieri Piripicchia.
  •  


Questa piccola filastrocca mi è stata suggerita dal mio amico l’ing. Pietro Pitrone.
Si faceva sulla dita della mano di un bambino, che venivano pizzicate, ripetendola tre volte. Ogni volta si nascondeva un ditino ed alla fine restavano o le due dita – mignolo e indice- a forma di corna o le due dita- pollice e mignolo- nella figurazione cara ai bevitori.
 

  • Pizzica,pizzica, saracinu
    Sutt’’o lettu i Mastrantuninu
    C’era ‘n jaddu chi cantava
    E facia: “Cuccuriddù
    Nesci fora e vatinni tu.”

  •  

Che le filastrocche potessero  avere in alcuni casi qualcosa di propiziatorio se non addirittura di magico è dimostrato dalla seguente che viene o veniva recitata dai pescatori di pescespada nello stretto di Messina.
È un linguaggio astruso non riconducibile ad alcuna lingua comunemente parlata; a” strange incantation” così come la definì il Kircher(1650).  È qualcosa che solo il pescespada può intendere.
 

  • Mamassu di pajanu.
    Paletta di pajanu.
    Majussu di stignela.
    Paletta di paenu pale.
    Pale la stagnetta.
    Mancuta stigneta.
    Pro nastu vardu,
    pressu da visu e da terra.

 


Un’altra piccola filastrocca, suggeritami dall’amico Pippo Lombardo, si recita con il tocco.  Due contendenti si sfidano a prevedere il numero che risulta come somma dei due numeri indicati dalle dita delle loro mani aperte contemporaneamente. Esempio. Uno prevede sette,esce cinque, l’altro gli canta questa filastrocca per prenderlo in giro.

  • Cincu avissi dittu
    ‘u cavaddu di Bonfittu.
    Bonfittu è ‘nfittatu.
    ‘u to nasu è cacatu
    Quanti corna avi a crapa?


  • A questo punto si continuava il gioco.

 

Quando  si cattura una coccinella , alzando la mano verso l’alto il piccolo insetto  raggiungerà l’estremità di un dito e da lì spiccherà il volo. Mentre la coccinella è impegnata nella scalata  il bambino recita la poesiola beneaugurante

  •  ‘A Papuzzedda 
  • Papuzzedda vola, vola
    Chi to matri ti potta a scola.
    Ti potta a scola pani e vinu
    Papuzzedda du Bamminu.
    Ti potta a scola pani e vinu
    Papuzzedda du Bamminu.

Italo Rappazzo giustamente scrive: quando si cattura una coccinella...oggi è raro vederne ancora qualcuna o poterla avere nel palmo della mano come una volta per fargli spiccare il volo.

Questa piccola filastrocca mi suscita la stessa emozione che mi suscitava da piccolo quando, nel palmo della mia mano, la Coccinella mi lasciava delle macchioline gialle per poi alla fine spiccare il volo.      
 

 

 

 

 

 

 

 


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.