(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
Palazzo Piacentini sede del Tribunale
AddThis Social Bookmark Button

 

Dopo il terremoto del 1908 si cercò di ricostruire Messina con criteri antisismici , moderni ed anche ridando ai palazzi della città un aspetto neo-classico per collegare il passato con il presente.

In quest’ottica venne dato l’incarico all’architetto Marcello Piacentini che, sull’area precedentemente occupata dall’Ospedale di Santa Maria della Pietà, opera cinquecentesca di Andrea Calamech e Antonio Ferramolino, progettò e  fece costruire il nuovo Palazzo di Giustizia, articolato su tre grandi edifici uniti tra loro da grandi gallerie. 

La costruzione ebbe inizio nel 1919 e il palazzo inaugurato il 28 ottobre 1928.

Si tratta di uno dei pochi esempi di edifici eseguiti in cemento armato, nelle strutture portanti,  ed in pietra nelle altre parti. Il corpo di fabbrica centrale è sormontato da una quadriga in lega di bronzo e alluminio, opera di Ercole Drei.

Al suo interno si ammirano lo scalone in marmo di Billiemi con ornamenti in bronzo; un portale marmoreo che dà accesso alla Corte d’Assise; le tempere grasse ai soffitti e le decorazioni dei pittori Romano e Schmiedt.  

 

Galleria fotografica.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.