(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Il ritrovamento soprannaturale del corpo di Edoardo Giacomo Boner
AddThis Social Bookmark Button

di Nino Principato

All’ingresso principale del Cimitero Monumentale, di fronte alla tomba della famiglia Lo Sardo, si erge un bassorilievo con modesta lastra tombale: raffigura due figure femminili, fra le macerie del terremoto del 28 dicembre 1908, delle quali una fanciulla tiene per mano un’adulta guidandola verso un posto preciso. In basso, a sinistra, campeggia un volto d’uomo con accanto un virgulto d’alloro spezzato e, sulla destra, si legge l’epigrafe:

 EDOARDO G. BONER

VISSE PEI SUOI FANTASMI

DI POESIA E D’AMORE

E PER I CARI DISCEPOLI

PERI’ NEL TERREMOTO DEL XXVIII DICEMBRE MCMVIII

MESSINA NEL CUSTODIRE E ONORARE LA SALMA

QUASI PER PRODIGIO SOTTRATTA ALLE MACERIE

VUOLE TRAMANDARE

IL CULTO DI UN’ARTE PURA E GENTILE

LA PIETA’ D’UNA GLORIA INFRANTA

A GENERAZIONI MENO SVENTURATE. 

     Sulla lastra marmorea di copertura della tomba, è scritto: 

IL COMUNE

DIEDE IL TERRENO

GLI AMICI E L’ISTITUTO BONER

POSERO

XXVIII – XII – MCMXXVII 

 

     Edoardo Giacomo Boner nacque a Messina l’8 aprile 1864. Figlio di un ricco commerciante di agrumi, ancora ragazzo si era dedicato con passione alla poesia e allo studio delle lingue straniere; ma, terminato il Liceo, le disgrazie si accanirono contro la sua famiglia: prima, gravi dissesti finanziari, poi, una lunga malattia che portò il padre alla tomba. Ancora diciassettenne, per aiutare la famiglia si pose alle dipendenze di importanti ditte messinesi, viaggiando per le principali nazioni d’Europa, come rappresentante di commercio. Fin da bambino aveva avuto un’ istitutrice inglese che gli aveva insegnato alla perfezione la lingua. Trovandosi a Londra, come rappresentante, partecipò ad un concorso di poesia. A presiedere la commissione giudicatrice, era stato invitato Oscar Wilde.

     Il giorno della premiazione del vincitore Wilde, leggendo da un foglio, scandì il titolo della poesia prescelta: “Invitation”, e, subito, pronunziò il nome del vincitore, “Edward Boner”.

     Oscar Wilde invitò il vincitore a ritirare il premio, e, nell’apprendere che era un siciliano, gli disse: “Tu mostri l’antica saggezza della tua isola illuminata dall’arte ellenica”.

     In seguito, la medesima poesia in versione italiana, col titolo “Invito”, venne pubblicata dal Boner nel 1884, nella sua prima raccolta di versi, “Novilunio”.

     Boner scrisse e pubblicò anche dei racconti: “Sul Bosforo d’Italia”, dieci novelle di stampo veristico di cui cinque marinaresche ambientate a Messina e “Racconti Peloritani”, dove la protagonista è ancora la Messina “fin siecle” con le sue strade, i suoi monumenti, popolata da gente comune in preda a passioni elementari.

     Tornato prima di Natale a Messina da Roma dove insegnava all’Università,   per le sue nozze fissate il 3 gennaio 1909, vi trovò la morte a soli 44 anni nel terribile sisma insieme alla fidanzata, alla madre ed alla sorella maggiore. Si salvò, ferita, soltanto la sorella minore Giulia che viveva con i suoceri in una casa del Villaggio Ritiro. Dalle macerie furono estratte i corpi delle tre donne; di Edoardo, nessuna traccia al punto che venne dato per disperso.

     Il corpo fu poi rinvenuto in circostanze che sconfinano col soprannaturale: scrisse in proposito, in una lettera inviata l’1 giugno 1910 da Messina al cugino Giorgio Boner residente in Svizzera, Giulia: “[…] Dopo diciassette mesi dal terribile disastro, ritentammo gli scavi a casa nostra (che s’erano già fatti l’anno scorso da alcuni colleghi e alunni del mio povero fratello senza alcun esito) e potemmo con dolorosa soddisfazione trovare le ischeletrite sacre spoglie del nostro Caro Estinto! L’instancabile mio buon Vincenzo [Vincenzo Beccaria, marito di Giulia, n.d.a.] s’è impegnato fraternamente a trovare la cara salma e vi è riuscito! Immagina quale profonda impressione ne abbiamo ricevuta! E se ti dicessi il vero movente che ci spinse a tentare ancora una volta a fare gli scavi a casa nostra, ti sembrerebbe una cosa inverosimile, eppure! Senti un po’: Una bimbetta, figlia d’una agiata signora, abitante vicino a casa nostra, sognò del povero Giacomo il quale premurosamente e caldamente la pressò a farmi sapere che egli ancora trovavasi sotto le macerie. Difatti si fece presto ad avere il dovuto permesso, e trovammo il nostro Caro proprio in quel punto ch’egli aveva designato in sogno alla bambina di trovarsi!! Sembra stranezza, eppure è la verità. Ora il povero Giacomo avrà una decente sepoltura al nostro Cimitero […]”.

Così è spiegata la presenza delle due figure femminili nel bassorilievo della tomba di Edoardo Giacomo Boner.

           Nino Principato

 

 


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.