(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Un consesso di re
AddThis Social Bookmark Button


Eustachio Catalano, Reperti (1936), Collezione privata.

Un omaggio alle donne di Messina.

   “  Hai mai pensato, mio caro lettore, che la maggior parte delle più importanti scoperte,delle più utili invenzioni si sono ottenute solamente per un caso? […]
Trattandosi di Messina poi…tutto è possibile , tutto è facile, e non sarebbe quindi nè impossibile nè difficile ottenere quanto prima un’Amministrazione comunale muliebre.

La riunione delle dame messinesi avvenuta martedì scorso nell’aula consiliare del nostro municipio, secondo me è stata una prova di ciò che potrebbe essere domani un consiglio comunale tutto composto di belle ed eleganti figlie di Eva. La magnificenza, l’imponenza e la serietà ammonitrici di quelle nobili dame, pareva infatti sgomentasse i pochi presenti consiglieri comunali, i quali certamente –come me- dovevano in quel momento pensare alla loro non tarda sostituzione da parte del bel sesso.

Il nostro Egregio Sindaco, che aveva forse in testa di fare un magnifico discorso per l’occasione, sgomentato e impressionato dall’immenso numero di dame che -a differenza dei consiglieri comunali- occupavano quasi tutti i posti dell’aula, riuscì a dire poche parole patriottiche.
Peppino Toscano (avvocato e fervente socialista) guardava come trasognato e pensava forse che alla ventura elezione politica egli non avrà a suoi competitori che candidati…donne.

   Infatti, avendogli io -quale Pirro- domandato che gliene fosse sembrato di quella assemblea di dame, egli quale Cinea mi rispose: Mi è sembrato un consesso di re! […] Andrea Gordoni, sempre gentile e nobilmente elegante, parea gioisse a quella magnifica vista, e di nulla impressionato e preoccupato accudiva a tutto ciò che occorreva per rendere compìto il servizio pel gentil consesso. Curioso volli anche a lui domandare: Dimmi Andrea, che te n’è sembrato di questa assemblea? Seccamente mi rispose: Tu sai che io non ho mai avuto ambizione; ma ti confesso che bramerei di essere sindaco se potessi avere un consiglio comunale formato di 60 consiglieri di sesso gentile; sarei sicuro che –a disdoro degli attuali consiglieri che brillano per la loro sistematica e ostruzionistica assenza– nessuno mancherebbe al suo posto e gli interessi di Messina andrebbero molto meglio.

    Infatti in quella gentile ed aristocratica riunione tutto procedette con ammirevole ordine, con impareggiabile sensatezza, con invidiabile serietà, con serena e patriottica concordia.

    […] ma altri per contro risposta (ai soliti ….) osservava che il nostro Consiglio comunale non è stato mai serio nemmeno quando si sono trattati casi pietosi e seri;
    […] Comunque la riunione muliebre è stata una prova significatissima, una prova che suona sfida al sesso forte dell’attuale amministrazione comunale, una prova che ha detto chiaro e tondo come le donne siano capaci di stare con molto più competenza al posto occupato dagli uomini.”
  

A cura di Andrea Bambaci

Da Il Nuovo Telefono, gennaio 1914, Emeroteca del Gabinetto di Lettura, Messina.


 


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.