(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
A Madunnuzza
AddThis Social Bookmark Button

A menzu o mari c’è ’na Madunnuzza,
unni ‘na vota dda tiravunu la rizza.
Quannu lu Patreternu fici lu munnu,
lu vosi completari propriu finu in funnu.

E mentri disignava Missina cu pinnellu,
ci vosi ‘ncastunari ‘nu gran gioiellu.
Pigghiavu ‘na picca i terra e l’impastau
e cu tutta la massima attenzioni la stirau.

A misi propriu ritta in facci o portu,
e non niscivu pacciu pu trasportu.
Bastavu ca dissi, pi Maria lu postu è fattu,
pi magia, ci l’addussavu comu ‘nu mastru sartu.

A populaziuni missinisi subitu no capivu,
ma pianu pianu u cuntu si rinnivu.
E comu si a ddu miraculu di Diu fu spettatrici,
ci vosi sistimari a so bedda  Protettrici.

A misuru a ddu postu pi vaddari,
Missina, i so muntagni, u celu e lu mari.
A sistimaru intra a ‘na gran furtezza,
pi  rispicchiari megghiu la so putenza.

A fedi di stu populu è troppu forti,
pi sta Madonna chi salvau di la morti.
A chiamunu a “Madonna di la littra”,

ma lu so veru nomi è Maria,
è madri di Cristu e di tutta la genti pia.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.