(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Palazzo degli Elefanti
AddThis Social Bookmark Button

 

di Nino Principato.

Ciò che oggi rimane di questo monumentale fabbricato all’inizio della via Porta Imperiale incrocio Tommaso Cannizzaro, databile tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, è soltanto la parte a piano terra comprendente il portale principale e l’ala destra (quella di sinistra, non più esistente, è occupata dall’edificio conventuale annesso alla chiesa di San Lorenzo, comunemente intesa “del Carmine”). In origine si componeva, oltre che del piano terra e di quello ammezzato, di un piano nobile corrispondente al livello di calpestio del balcone centrale; complessivamente, quindi, considerando il piano ammezzato, tre elevazioni fuori terra.

Dalla porzione di facciata superstite, è possibile ricostruire lo schema compositivo gravitante sul portale centrale, asse-cerniera di simmetria e fulcro di tutta la composizione che ripropone, col sovrastante balcone a quattro mensole, lo stereotipo calamecchiano tardo cinquecentesco che tanta e lunga influenza esercitò a Messina presso architetti e maestranze (cfr. col portale bugnato di palazzo Balsamo dei Principi di Roccafiorita poi Grano di Andrea Calamech, non più esistente, dove è analoga l’inquadratura dell’arco a tutto sesto entro un sistema rettilineo architravato).

Inquadrata e spazialmente definita da due potenti paraste bugnate d’angolo, la facciata si distende senza soluzione di continuità in un’alternanza di pieni e di vuoti aventi il medesimo passo modulare, e, la preminenza gerarchica del grande portale d’ingresso, viene sottolineata e allo stesso tempo bilanciata dalle quattro porte architravate bugnate e immediatamente sormontate da altrettante finestre-balconi del piano ammezzato: in questo modo l’altezza del portale maggiore viene a comprendere, esattamente, quella complessiva dell’insieme bottega-magazzino.

In sostanza, la tipologia abitativa che il palazzo presenta è quella quasi codificata in anni di consolidate prassi sociali e costruttive: piano terra occupato da botteghe a conduzione familiare sormontate dai cosiddetti mezzanini, costituenti il piano ammezzato corrispondente alla seconda elevazione fuori terra, di bassa altezza (generalmente metri 2,40) e collegati al piano terra tramite scala interna in legno ad unica rampa (“casa e putia” – casa e bottega); il terzo piano (in questo edificio, non più esistente), è riservato alla classe medio-borghese e per potervi accedere si rende necessario l’inserimento dell’androne con grande apertura ad arco e scala rampante. Le abitazioni di questo piano, non a caso denominato piano nobile, sono più evolute di quelle sottostanti e assumano la denominazione di “quarti” o “quartini”.

Di fronte alla facciata del palazzo, com’è documentato da una rara foto precedente al terremoto del 1908, sorgeva il Grande Ospedale iniziato ad edificare il 12 ottobre 1542 su progetto del bergamasco Antonio Ferramolino (oggi, sulla sua area, sorge il Palazzo di Giustizia) cui successero il messinese Giovanni Carrara, Andrea Calamech da Carrara, Francesco Zaccarella da Narni e Giovanni Maffei da Carrara. E sembra, come afferma Gaetano La Corte Cailler, che l’autore del “Palazzo degli Elefanti” sia stato proprio il Maffei, raffinato architetto che si divertì ad inserire un’ interessante e curiosa notazione decorativa: ai lati dell’arco del portale d’ingresso, infatti, spiccano  due atipiche teste di elefante, bizzarra reminescenza figurativa dell’arte manierista.

 


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.