(24/04/17) Terremoti e Maremoti nello Stretto di Messina.

  Importante Convegno su tematiche di assoluta attuali...
Leggi tutto...

(21/04/17) XV MEETING M2G

GUANELLIANI. "CHIAMATI... IN TUTTI I SENSI" A Messina i...
Leggi tutto...

(20/04/17) Comunicati Ufficio Stampa del Comune di Messina

  Ufficio stampa Comune di ...
Leggi tutto...

(10/04/17) La festa degli "Spampanati" la Domenica di Pasqua

  spampanati Retaggio di antiche tradizioni devozionali...
Leggi tutto...
Personaggi tipici messinesi
AddThis Social Bookmark Button

 

 

Michele u babbu.

Viveva con la madre e due zie che vendevano sigarette di contrabbando dirimpetto la chiesa di Santa Maria di Gesù a Provinciale negli anni '50/70.

Da piccolo, bambini e adulti gli davano qualche monetina pur di farlo allontanare per non  essere infastiditi dalla sua presenza.

Diventato più grande incomincia a fequentare e a girare le parrocchie della zona tra Gazzi e il Ponte Americano, quando vedeva un funerale entrava.

Arrivava in chiesa, si inginocchiava davanti la bara facendosi il segno della croce, fingeva di pregare e piangere e dopo aver fatto le condoglianze ai parenti chiedeva qualche spicciolo e usciva.

Resosi conto che questo suo modo di fare era remunerativo, amplia la zona recandosi in quasi tutte le chiese di Messina dove si celebrano funerali, agendo sempre con la stessa tecnica e con lo stesso modo di agire.

Non infastidisce, pulito e sempre sbarbato. Se lo incontrate per strada chiede solo qualche moneta allungando una mano ma non è petulante.

Non accetta concorrenza, tutti sanno che dove c'è lui nessuno può entrare o avvicinarsi. Nessuno lo fà perchè diventa furioso.

Non dimenticherò mai quando, alla morte di mio padre, le esequie furono celebrate nella chiesa dei SS.Pietro e Paolo. Avendo trascorso la mia infanzia e giovinezza a Provinciale incontravo Michele tutti i giorni e ci salutavamo. Quando entrò in chiesa si avvicinò prima alla bara e subito dopo ai parenti. Vedendomi in prima fila capì e mi baciò facendomi le condoglianze, subito dopo scoppiò in lacrime e non accettò le mille lire che gli avevo messo nel palmo della mano.

Trascorre la sua giornata passando di chiesa in chiesa senza trascurare il Gran Camposanto.

Il 25 aprile si diffonde su Facebook la notizia che Michele è morto, qualcuno addirittura scrive che era già morto nel gennaio del 2014. Ma Michele è "vivo" meglio così Michele!

Pippo Lombardo

 

Vincenzo Croce detto "Pidocchia"

Vincenzo Croce camminava lungo le strade della città con indosso una divisa dell'esercito e con la classica bustina in testa. Il suo stato pietoso di vestire e di pulizia gli diede il soprannome di "Pidocchia".

Sul soprannome ci sono due diverse interpretazioni. Leopoldo Siricio poeta messinse lo chiama "pidocchia" Luigi Ciaccio "pitocchia".

Non chiedeva elemosina, rifiutava soldi e non infastidiva. Viveva con la vendita di piccoli oggetti e spesso veniva deriso dai bambini che lo inseguivano tirandogli sassi. Quando il referendum abolì la monarchia nel suo lungo peregrinare, per vendere e racimoloare qualcosa per vivere, da puro monarchico gridava: viva u Re e a Rigina, viva casa Savoia.

Questa poesia di Luigi Ciaccio lo dipinge in modo splendido.

  • Pitocchia: megghiu di mia nuddu u canuscìa.
    mu ricoddu di quannu stava e Cappuccini,
    unnni ci sunnu ora tutti di casi a quattru e cincu piani,
    supra da cicconvallazioni propria o daziu
    a cianai du cinima Eccessi ori chianannu di scali,
    chiddu era lu munti di Cappuccini.
    erunu baracchi mali cumminati,
    però stavunu genti povireddi e pussidenti,
    genti chi travaghiavunu cà corda a filari,
    cinnerunu carrari cinnerunu muraturi,
    tutti genti chi si davunu da fari pi putiri campari.
    Precisamenti, 'nto 1939 sfrattami a tutti i cappuccinoti
    e li puttaru 'nte casi populari a mezzu e giustroti.
    Sulu don Vicenzu chi era troppu povireddu
    u ranciaru, 'nto buchiceddu sempri baracca.
    Don Vicenzu tutti i matini scinnìa da giustra
    cu na cascittedda di lignu ttaccata ca codda areti e spaddi
    e vinnìa: catta e busti, buttuni,
    spinguli di balia, mellettu e tanti iautri cosi.
    Avìa na bella buci e cossi facìa: -
    A-catta-e-busti-a-posta aeria -
    e tutti i picciriddi ci facivunu: -
    Pitocchia ... pitocchia ... -
    e iddu ci rispunnìa: -
    Vatinni bastaddu...
    cunnutu, fammi travagghiari
    disgraziatu, va tinnì.
    fina chi era custrettu a pigghiari i petri
    e sicutallu a pitrati.
    Chista era cosa di tutti i ionna,
    picchi girava tutti i stradi e stradiceddi
    e tutti lu canuscivunu
    Quannu ci fu u riferendu fra Repubblica e Monacchìa
    don Vicenzu non travagghiava cchiù
    quannu sappi chi piddìu a Monacchìa,
    don Vicenzu stradi, stradi ciancia
    e a so vita sa facìa dicennu: -
    Viva a Monacchìa. -
    Era vistutu di suddatu,
    un pastranu e na bustina di suddatu,
    pi stradi, d'avanti e putii
    d'avanti i cafè sa facìa dicennu
    Viva o Re
    avivi vogghia mi ci uffrivi dinari a non finiri,
    non si vinnìa sempri.
    Viva o Re a vìa addiri,
    ammenu a comu vonnu dire
    figghiu du Re Vittoriu Emanueli d'intrallazzu era.
    eccu picchi sa facìa dicennu
    viva a casa Savoia, viva o Re viva a Monacchìa,
    tutti pi tocchi a ... Pitocchia
    fina a quannu muriu dicennu sa facìa
    viva o re e viva a Monacchìa.

Altra poesia a Lui dedicata è quella di Leopoldo Siricio nella sua pubblicazione " 'nzalatedda nustrali " del 1957.

  • ‘Sti pirsunaggi tipici spareru
    Pidocchia, sulamenti ‘nni ristava
    omu di gran carattiri e sinceru
    c’o so’ Riuzzu mai si lu scurdava.
  • E lu gridava pi li quattru venti,
    ‘stu vecchiu, c’a certuni dava noia
    cu’ gesti e cu’ paroli cummuventi:
    - Viva o Re, viva ‘a Casa di Savoia. –
  • E si qualcunu ci s’avvicinava
    dicennuci: “Ti dugnu milli liri”
    non diri ‘sti paroli, lu bullava
    c’un saccu di ‘mpruperi a non finiri.
  • “La me cuscenza iò non mi la vinnu
    comu facisti vui, o parrinari
    è sempri statu unu lu me innu:
    Viva o Re puru a costu ‘i non manciari”.
  • Ora macari iddu ‘nni lassau
    e di lu so Riuzzu si spartiu;…
    ‘nto regnu di la paci sinn’annau
    st’omu chi ‘nta ‘stu munnu assai patiu.
  • La so’ sincerità illuminau
    la fidi so chi mai iddu tradiu
    e sempri la so fidi ‘u cunfurtau
    fina chi ‘ncelu lu chiamau Diu.

Pidocchia (Vincenzo Santacroce)

Questi personaggi tipici sono spariti / solo Pidocchia ci restava / uomo di gran carattere e sincero / che il suo Re mai dimenticava. // E lui gridava ai quattro venti, questo vecchio, che a certuni dava noia / con gesti e con parole commoventi: / Viva il Re viva Casa di Savoia.- // E se qualcuno lo avvicinava / dicendogli: "Ti do mille lire" /  non dire queste parole, lo insultava / con un sacco di improperie a non finire.// "La mia coscienza io non me la vendo / come avete fatto voi, o parrinari (da prete) / è sempre stato uno il mio inno:/ Viva il Re anche a costo di non mangiare".// Ora anche lui ci ha lasciati / e dal suo Re si è diviso;.../ nel regno della pace se ne è andato / quet'uomo che in questo mondo ha patito molto.// La sua sincerità ha illuminato / la sua fede che lui non ha mai tradito / e sempre la sua fede lo ha confortato / fino che in cielo lo ha chiamato Dio // Se nella notte vedete brillare / una stella che fra tutte fa più luce / è la fede, che non si può spegnere, la fede di Vincenzu Santacruci.

 

Felice, detto Chicchirichì

 

 

Camminava per le strade di Messina lanciando il suo grido"Chicchirichì" cercando di imitare il canto del gallo.

Ogni tanto si fermava, si batteva il petto e imitava il grido di Tarzan poi si toccava la testa, lanciava di nuovo il grido "Chicchirichì" e riprendeva il suo cammino.

Nessuno ha mai saputo o visto dove andava, dove dormiva, come viveva.

Il suo era un cammino solitario riempito dal suo grido, un grido che poteva anche essere un grido di dolore.

Il suo aspetto non era dei più attraenti, bassino, sporco e trasandato.

Non molestava nessuno, non chiedeva niente e se qualcuno gli offriva soldi per fargli fare i suoi gridolini abituali lui rifiutava.

Pippo Lombardo


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.