(03/06/18) La Processione del Vascelluzzo

              Il video del trasport...
Leggi tutto...

(01/06/18) La Festa della Madonna della Lettera a Messina

“Apud Messanenses celebris est memoria B. Virginis Mariae,...
Leggi tutto...

(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...
Giacomo Minutoli
AddThis Social Bookmark Button

La sua figura rimane impenetrabile ed avvolta nel mistero per le pochissime e quasi nulle notizie biografiche che lo riguardano. Si sa che era nato a Messina nel 1765 e che dopo il terremoto del 1783, che aveva semidistrutto la città natale, è a Roma per studiare i grandiosi monumenti  dell'antichità.

Qui perfeziona i suoi studi  e inizia la professione di architetto, per poi tornare a Messina ed ottenere il primo, importante incarico nel 1799: la riedificazione della Palazzata edificata nel 1622 dall'architetto messinese Simone Gullì  sulla curva portuale, caduta dopo il sisma del 5 febbraio 1783. Mentre va sorgendo il nuovo " Teatro Marittimo" a partire dal 1803( così veniva definita la superba cortina continua di palazzi di fronte al porto), l'abate-architetto diventa uno dei progettisti più in vista della città e l'interprete maggiore del rinnovato fervore architettonico. Nel 1812 realizza l'ampliamento della piazza del Duomo  verso sud-est e grandiosi palazzi in essa prospettanti (palazzo Arena in collaborazione con Gianfrancesco Arena e palazzo Pistorio-Cassibile).  

Altre realizzazioni seguiranno sulla via Ferdinanda (oggi Garibaldi) con i palazzi  Gustarelli e S. Leone e Santis sulla strada del Corso; il prospetto della " Casa dei Padri Minoriti " di fronte alla Cattedrale; il prospetto del convento di San Francesco d'Assisi ( oggi palazzo delle Finanze); la chiesa di Nostra Donna delle Vittorie; l'Orto Botanico; il Palazzo Senatorio al  centro della sua, superba Palazzata e l'ultimo intervento, la sistemazione urbanistica in senso scenografico della via Ferdinanda.

Giacomo Minutoli muore nella sua città l'11 febbraio 1827 e a ricordarlo, nella Messina di oggi, sono l'Istituto Tecnico per Geometri a lui intestato e il largo antistante Palazzo Zanca, sulla via Garibaldi.  


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.