(07/08/18) AGOSTO MESSINESE 2018

  IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMNENTI DELL’AGOSTO ME...
Leggi tutto...

(03/08/18) Il botto

  di Paolo Ullo La scusa magna, suprema, per rinunci...
Leggi tutto...

(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...
Tommaso Cannizzaro
AddThis Social Bookmark Button

Nasce a Messina il 17 agosto 1838 da don Francesco, cancelliere archiviario del Comune e senatore della città e da Domenica Arena. Inizia giovanissimo a studiare, e, a soli quattordici anni, conosce il francese e la storia delle religioni.

Dal 1854 al 1857 segue corsi di filosofia, economia politica e diritto razionale, studi formativi che completa con il suo viaggio, a 17 anni, a Palermo, Napoli, Bologna e Roma. Ritorna a Messina appena in tempo per abbracciare il padre che poco tempo dopo (1855), muore.

Quel padre che ne voleva fare un prete o un avvocato ma, per il giovane irrequieto Tommaso, teologia e patristica, codici e pandette mal si adattavano al suo temperamento  e così s'immerge  in studi lunghi e disperati, letture continue particolarmente di opere poetiche di scrittori francesi, nella cui lingua egli stesso compone poesie, suscitando il plauso e l'ammirazione perfino di Victor Hugo, di cui diventerà uno degli amici più cari.

Dal 1864 al 1908 è un periodo d'intensa attività poetica e letteraria con pubblicazione di innumerevoli opere, proseguita anche se in tono minore negli anni della ricostruzione post-terremoto, a causa delle sue non floride condizioni economiche: " Foglie morte" (1882) che suscitò l'entusiasmo di Ada Negri; " Cianfrusaglie"(1884); "Epines et Roses" (1884), poesie scritte in francese; "Tramonti", "Uragani","Cinis" (Cenere), "Quies" (Quiete),  "Vox Rerum"  (Voce delle cose) dove è raccolta la sua produzione poetica dal 1896 al 1899. Tra il 23 aprile ed il 29 agosto del 1900, Cannizzaro traduce per intero perfino la Divina Commedia di Dante in terzine siciliane, la prima nel nostro dialetto che fu stampata nel 1904 e dedicata a tutti i Comuni della Sicilia.

Solo e abbandonato  da tutti ( i sette figli erano morti ancora giovani , prima di lui), si spegne il 25 agosto 1921 e viene sepolto in una tomba modesta, presso l'ingresso principale del Gran Camposanto della sua città.    


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.