(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Twitter e...Benedetto XVI.
AddThis Social Bookmark Button

di Francesca Vitale

Ho sempre pensato a come potrebbe reagire un uomo catapultato dal passato,vediamo..senza andare molto lontano, mettiamo dall'inizio del secolo scorso, ai nostri giorni. Un mondo di fantascienza, incomprensibile.

Tutto cambiato dall'urbanistica alla meteorologia, dal comune senso del pudore, ai trasporti, dalla vita nelle case a quella nelle aziende. I rumori, gli odori, i cibi, le comunicazioni, l'igiene,eccetera eccetera, tutto diverso.

Come sarebbe questo nostro antenato? Spaesato? Terrorizzato? o, invece si adatterebbe benissimo alle novità, dopo un periodo di normale apprendistato? Da oggi propendo per quest'ultima ipotesi.

Il Papa su Twitter. Beh, questo repentino abbraccio della modernità è veramente sorprendente. Sappiamo come la Chiesa sia prudente, come si adatti lentissimamente ai cambiamenti sociali. Pensate che solo da qualche anno è stato riabilitato Galileo Galilei,accusato di eresia. Eppure è passato qualche centinaio di anni dal momento in cui si è saputo per certo che Dio aveva costruito il nostro sistema solare proprio come asseriva lui.Ma questo tanto per fare un esempio.

In confronto, aderire a un social network è come se il papato avesse deciso di viaggiare alla velocità della luce. Me ne compiaccio naturalmente, anche se...Anche se prima di fare questo passo, ce ne sarebbero stati da fare altri, molto più necessari di questo e che da più tempo urlano attenzione, che dovrebbe fare più rumore dell'allegro e fatuo cinguettio in oggetto.

Il sacerdozio alle donne per esempio; il riconoscimento dei gay come uno dei prodotti della specie umana, voluta da Dio e non ghettizzati come malati che devono essere convinti a tornare sulla "buona strada";il concedere la Comunione ai divorziati, mentre invece gli" annullati" dalla Sacra Rota usufruiscono del "perdono divino".

Ma si sa la Chiesa è prudente.Lo capisco.Ma scusate quando ho letto la notizia mi è venuto da ridere immaginando il Santo Padre a chattare con noi comuni mortali. Naturalmente non sarà così, è stata solo una necessità di aderire alle nuove forme di comunicazione visto il gran numero di proseliti raccolti da Obama e Grillo, con gli stessi mezzi.

Il dito incerto di Benedetto XVI che apriva agli "amici" le porte del Vaticano mi ha fatto tenerezza, anche lui un pò vittima dei suoi consiglieri d'immagine che l'hanno messo proprio nella rete che fra tutte le sue maglie non avrà mai nessun filo diretto.


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.