(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Tra il mare e il fango
AddThis Social Bookmark Button
  • di Giuseppe Finocchio (inedita)

    CITTÀ FORIERA DI BELLEZZA
    adagiata come un frammento di terra
    addormentato
    Lungo un piano di fango
    che avvince e distende
    scavato da millenarie lacrime del cielo che scavano
    e fendono vecchi fazzoletti di terra
    stralciati.
  •  
  • Città lucida di bagliori dorati
    di un sole che scalda e abbaglia
     Fredda di frettolosi contrasti
    di fiori annodati nella pietra
    o mostri plasmati nei balconi
    di celle di cemento
    assemblate
    tristemente rivolte verso il cielo. 
  • Città abbracciata
    mentre il mare grigiastro ribolle
    mugghia
    E SATURA I COLORI
    Mentre il mare scioglie configurazioni
    si ritaglia spazi
    forzatamente agonizzante
    tra volumi ingombrati

  • Cornice indistinta e magnifica
    della vita che scorre e stritola
    stridente di rottami di umane ferraglie umane
  • Città nettunia : Donna turrita
    fendere e pergolare
    del degrado prolifico…
    Protesa superba verso il mare
    il viso fumante e tetro
    ancora tremante
    Braccia sollevate al cielo
    Impastate di LACRIME E FANGO
    Frammenti dimentichi
    su distese minuscole
    su spazi compattati
    erbosi. 
    Millenario scorrere di storie
    Respinto biecamente
    Verso un orizzonte
    Forzato
    ed artificiale
    di Nulla. 
  • Nenia impetuosa del fiume
    primigenia.
  • Il mare,
    trincerato dal degrado e dall’utile,
  • Futurista onda estetica
  • Il fango che sgretola la terra
    e rende insicuro il dimorare 
     Uccelli come cavi vibranti
    di nero asfalto
  • COLAPESCE
  • Il torso sudato del mito
    sulle spalle la colonna trinacria
    Incrinata.
    Tutto, su un’incrinata superficie
    Fragile… sabbiosa
    Nel vento battente di scirocco.  
    La pallida ragnatela coprente del disamore
    di una città sventrata dal disamore
    sventurata
    Sottratta a languide fasce verdi;
  • Città languidamente distratta.
    DIRITTO ALL’ABITAZIONE
    Un proclamo inviolabile
    In quest’ammaliante terra di scirocco
  • Un canto di sirene
    Tremulo
    Attanaglia
    Verdeggiante
    nelle fauci marine.

     

 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.