(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Mons. Giovanni Marra - Arcivescovo di Messina

  Giovanni Marra - Cinquefrondi (RC), 5 febbraio 1931 ...
Leggi tutto...

(12/07/18) Barcellona Pozzo di Gotto

Barcellona Pozzo di Gotto è un comune italiano di 41.401...
Leggi tutto...
Il fascino della "Lupa" nello Stretto di Messina
AddThis Social Bookmark Button

 

di Pippo Lombardo

Messina,7 marzo 2013 - ore 7,30 - Giornata grigia e senza vento.Guardo fuori dal balcone lato mare, è opaco, offuscato, Villa San Giovanni e Reggio Calabria non si vedono . Mi affaccio dal balcone lato monte: Dinnammare è sparito. C’è nebbia, è tornata la "Lupa".

Nello Stretto di Messina,  tutto ci si aspetta meno che la nebbia. L’unico caso in cui si può verificare la nebbia è quello della "lupa".
Un fenomeno tipico di alcune località marittime dell’Italia e in modo particolare nello Stretto di Messina.

Si verifica in condizioni rare e particolari, ed è localizzato in una  porzione di spazio fortunatamente non estesa. Tecnicamente si tratta di nebbia da evaporazione, determinata dallo scorrimento di masse d’aria fredde su una superficie marina molto più calda. In questo caso il vapore acqueo, per evaporazione appunto, entra nell’atmosfera e si satura condensandosi. Per questo motivo la lupa è tipica della stagione primaverile.

Di solito lungo lo stretto il fenomeno “Lupa”, appare con un imponente cordone nebbioso che lo avvolge con densi strati sottili che alle volte superano i 200-300 metri di altezza e causano drastiche riduzioni di visibilità, provocando l’interruzione dei collegamenti marittimi fra Messina e Villa S.Giovanni. Molto spesso, come in questo caso, il fenomeno nebbioso si presenta quando i massimi di un promontorio anticiclonico, di natura azzorriana, nord-africana o un ibrido fra i due (il famoso anticiclone ibrido sub-tropicale) si spostano verso levante, collocandosi fra la Grecia, l’Egeo e la Turchia.

 

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.


 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.