(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Chiesa di S.Maria di Portosalvo:ancora crolli
AddThis Social Bookmark Button

di Giuseppe Finocchio.

Crolla il tetto della chiesetta di S. Maria di Porto Salvo nel villaggio di S. Margherita e danno segno di cedimento le strutture portanti, ennesimo bene culturale oggetto di una cronaca che per la mancanza di politiche attive, per il sonno delle istituzioni e degli enti preposti e per l’indifferenza generale anche della cittadinanza miete “vittime di un passato illustre” da troppo tempo. Una chiesa contiene in sé una serie di valenze importanti: è un luogo di culto quindi di spiritualità, è una testimonianza materiale dell’ingegno e della capacità umana, è uno spazio che può diventare fruibile e fruito nonché punto e nodo di aggregazione sociale.

La chiesa pervenuta ultimamente dopo intricati problemi di successione, nelle mani di don Franco Pati, è da anni testimone di una vergognosa spoliazione che la rendono oggi un monumento sempre più “sbiadito”.

Un’oculata azione conservativa potrebbe restituirla alla comunità in tempi celeri, la messa in sicurezza di ciò che è rimasto, incapsulato dentro una frenetica ed accelerata trasformazione che lo ha scarsamente considerato, potrebbe rivelarsi di vitale importanza. Un’ azione di concerto tra privato e pubblico potrebbe permettere il ripetersi di quella Preclarissimam  pietatem che permise a Carlo di Bonifate di darle dignità nel 1741, dando una nuova vita a questo edificio nel prossimo futuro.

La chiesa di S. Maria di Portosalvo a S. Margherita

Sull’origine del  culto della madonna di Porto salvo a Messina per il quale nel 1565 venne istituita un’importante Confraternita così scrive il Samperi :  “Volendo i Marinai Messinesi, Nocchieri, e Padroni, così di vascelli grossi, come di Navili piccioli, e Feluche, pigliare un qualche Santo Tutelare delle loro persone, e legni, come quegli, che prima scioglievano i loro voti alla Madonna di Porto Salvo, la cui divotissima imagine era nella chiesa del Monasterio di S. Chiara, di cui à suo luogo si ragionerà, si risolsero d’edificare un Oratorio particolare à proprie spese, sotto il medesimo titolo, nel quale potessero, essendo in terra, finite le loro navigazioni, esercitarli nell’opere di Christiana pietà, e fosse la B. Vergine la Protettrice, e la Stella Tramontana ne’ loro viaggi, facendo à lei parte de’ guadagni delle marinaresche fatiche”            

La chiesa della Madonna di Portosalvo della quale parliamo in questa sede sorge, non sappiamo fino a quando, lungo la vecchia strada nazionale a S. Margherita Marina, alla foce del torrente omonimo. Si tratta di una chiesetta a navata unica, l’interno è stato in passato privato delle tele e dei paliotti che decoravano gli altari e si notano ancora scarse tracce dell’intonaco dipinto e degli stucchi che lo decoravano; un arco trionfale separa la navata dal presbiterio,  concluso dall’abside semicircolare. Il portale principale mostra in posizione angolare, su una struttura semplice, delle volute; elementi decorativi consistenti in vasi con fiamme decorano poi sia la facciata che la sommità del campanile a vela. In facciata si conserva ancora, sopra la finestra a loculo, un bel bassorilievo raffigurante la Madonna di Portosalvo secondo l’iconografia tradizionale ed un’iscrizione incompleta e di difficile scioglimento che ci da notizia di un intervento completo fatto nel 1741  sulla chiesa sia per le strutture che per la parte decorativa ad opera della famiglia De Bonifacite; cosa che le permise, probabilmente, di uscire indenne dal terremoto del 1783. Al culmine svetta un  campanile a vela che dona slancio a tutta la facciata, riproponendo, in piccolo, modelli presenti nelle chiese del barocchetto siciliano.  Questa chiesetta era probabilmente in origine o lo divenne la chiesa padronale dei Minutoli ed a loro si riferivano probabilmente i due blasoni uno  in facciata, oggi sottratto ma ancora visibile nella foto Cianciafara, ed un altro utilizzato come chiave di volta dell’arco di trionfo della chiesa. Originariamente  la chiesa si trovava in un contesto “munito” infatti nelle vicinanze ci sono tracce di strutture militari che integravano il castello di S. Stefano Medio per la difesa del casale; nelle immediate vicinanze si può poi notare l’ingresso a Villa Minutoli con caratteri ascrivibili al sec. XVIII.

Così sintetizza l’attuale proprietario, don Francesco Pati, la situazione attuale: “ Sono divenuto proprietario di questo immobile che apparteneva a quasi 20 proprietari solo da poco tempo, in parte per via di donazione ed in parte acquistando una parte sulla quale  un terzo esercitava un diritto di usucapione.  Fino agli anni ’80 si officiava in questa chiesa e si celebravano matrimoni. L’associazione nei tempi stabiliti si è fatta carico di tutte le spese di questa successione anche motivata dalle rassicurazioni fatte dalla Soprintendenza in merito ad una imminente messa in sicurezza. Ma il tempo è passato ed il bene, dopo la relazione di vincolo, è caduto nel dimenticatoio. Ultimamente sono stato incitato come privato a farmi carico di un crollo sulla strada di parte della chiesa; ad inizio settimana i tecnici della Soprintendenza dovrebbero venire per fare una relazione. Dopodichè, spero si possa agire in tempi brevi sul bene per salvare il salvabile. Il mio sogno sarebbe quello di restituirlo intanto alla comunità di S. Margherita ma di farne soprattutto un Centro di spiritualità per tutte le strutture che fanno capo all’associazione S. Maria della Strada che io presiedo”

Giuseppe Finocchio


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.