(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Il Seccatore
AddThis Social Bookmark Button

 

 

Versione siciliana di uina satira di Orazio di Dino Vadalà

  • Mi ‘nnannava camminandu
  • Ppri la strada da marina
  • Lu me sgardu rivolgendu
  • A dda isula vicina.
  •  
  • Ccu la menti firriavu
  • Lu pinseru cchiù remotu,
  • Quannu accantu, cu mi trovu?
  • Un profilu pocu notu.
  •  
  • Pri la manu iddu mi pigghia
  • lu me passu rallintannu:
  • La pirsuna forsi sbagghia,
  • Dintra a mia vaju pinsannu.
  •  
  • La so faccia è canusciuta
  • Ma lu nomi non rammentu,
  • Non vurria chi sta ‘ncuntrata
  • Divinissi ‘nu turmentu.
  •  
  • Quannu ‘ncontri certa genti
  • Chi t’attacca ‘nu buttuni,
  • la jurnata comu nenti
  • si riduci a ‘nu muzzuni.
  •  
  • -“Come stai amico caro,”
  • Esordisci l’avventuri;
  • -“Assai bonu fin’ad ora.”
  • Ci rispunnu ccu timuri.
  •  
  • -“Tempu fa t’haju avvistatu,”
  • Ricumincia u seccaturi,
  • Comu a ttia sugnu ‘struitu,
  • e trascurru li me uri
  •  
  • tra li versi e li canzuni”.
  • -“Or più caru a mia sarai
  • Ppri sta bedda tua passiuni;
  • Ma s’è fattu tardu ormai,
  •  
  • Stamatina vaju di prescia;
  • Non c’è tempu ppri sirmuni.
  • La me manu or rilascia,
  • non supportu stu strizzuni.
  •  
  • Stu cuncettu pronunciandu,
  • ca so manu chi strincia,
  • Lu me passu vaju furzandu
  • E scapparmini vurria.
  •  
  • Un gran ciumi di paroli
  • Ddu noiosu  vomitava
  • Accriscendu li me doli.
  • Lu suduri mi scinniva
  •  
  • Fino a sutta du calcagnu;
  • Non sapia cchiù chi fari!
  • ‘Nta la tila di ‘nu ragno
  • Era andatu a finìri.
  •  
  • Beatu si tu, oh Belanu,
  • pinsava fra mia e mia,
  • addubbavi ogni balzanu[1]
  • si era ‘na gran camurria.
  •  
  • -“Stai circandu di scappari
  • Mi ripigghia ddu sfurcatu.
  • Non ti lassu cchiù partìri
  • Oramai t’haju bloccatu.
  •  
  • Io ti vogghiu accumpagnari
  • Fino a unni si direttu,
  • la jurnata aju a passari
  • e di certu non m’affrettu."
  •  
  • Calu ‘i ‘ricchi comu u sceccu
  • Du patruni bastuniatu;
  • A la stregua d’un sciabiccu[2]
  • la me schina è caricata
  •  
  • ccu nu bastu di gran pisu
  • divinutu  assai ingombranti.
  • Non desisti benintesu
  • Du molestu incuranti, 
  •  
  • E riprendi a scaricari
  • Un futtiu di paroli,    
  • non rinesciu cchiù a capiri
  • ciò chi iddu adesso voli.
  •  
  • -“Scrivu versi a profusioni
  • e a ritmu sfrenatu,
  • cantu e ballu da campiuni
  • destu ‘nvidia a un litteratu.
  •  
  • A stu dittu tracutanti,
  • Non rinesciu a stari zittu
  • -“Forsi a casa hai parenti?
  • Ci rispunnu cchiù afflittu.
  •  
  • -“Già tumbati tutti quanti;
  • sulu a ttia vogghiu pinsari.”
  • Mi ribatti ddu siccanti;
  • Nun mi resta chi subìri.
  •  
  •  
  • Lu distinu miu ‘ngratu
  • Di na maga fu pridittu,
  • all’uraculu purtatu
  • quannu era giovanottu.
  •  
  • -“Né  veleno assai potente,
  • o la spada d’un ostile,
  • nè la gotta invalidante
  • o un morbu  più febbrile;
  •  
  • Sol buon senso può salvare
  • L’esistenza tua amena,
  • che un tafàno vuol struncare
  • con la lingua sua blasfema.”
  •  
  • Chista fu la prufizia
  • Chi Sibilla pronunciò.
  • La jurnata già finia
  • Ma la pìttima ristò.
  •  
  • Mi circava Garanzia
  • Ppri resistiri in giudiziu,
  • E l’aiuto miu vulia
  • Ppi livarisi stu sfiziu.
  •  
  • -“Ora assistermi dovrai,
  • ti ‘nni pregu “ mi dicia.
  • -“Aju andari unni sai.
  • All’mpiastru rintuzzai.
  •  
  • -“Sugnu in dubbiu su che fari
  • Incalzò l’inopportunu,
  • Quasi quasi lassu stari
  • E la causa abbandonu!”
  •  
  • -“Fammi andari ppri favuri,”
  • ccu firvuri  iu ‘mplurava
  • du gran pezzu i scocciaturi,
  • mentri cchiù sempri subiva.
  •  
  • Ccu li forzi ormai ghiccati
  • Iu m’arrendu o vitturiuso.
  • -“Chi mi dici i Mecenati?” 
  • Ricumincia u fastidiusu.
  •  
  • -“Poca genti lu circonda,
  • ma di bonu e giustu sennu.”
  • Ci rispunnu di rimandu
  • la so via persequennu.
  •  
  • -“Certu la so canuscenza
  • Fu ppri ttia ‘na trovatura,
  • ma si fai ccu mia alleanza,
  • nui fariumu cchiù figura.”
  •  
  • Sta livata mi prupuni
  • U marchianu scocciaturi.
  • Senza nudda alteraziuni
  • Ci rispunnu o pinsaturi.
  •  
  • -“Nun si sta assiemi a iddu
  • Comu tu cridi chi voli,
  • Nudda casa cchiù di chidda
  • È luntana di li mali.
  •  
  • S’iddu è riccu iu non ci badu,
  • O s’è saggiu cchiù di mia
  • Oramai mi persuadu       
  • Chi c’è postu ancu ppri mia.
  •  
  • -“Sti paroli chi dicisti
  • Nun su facili a cridìri
  • E vurria propiu ppri chistu
  • So amicu divintari.
  •  
  • Ppri conuscirlu i presenza
  • Li so servi accattirò
  • E ‘ntrasutu in confidenza
  • L’amicizia sua avrò.
  •  
  •  
  • Nulla in vita si conquista
  • Senza far grande travagghiu.
  • E la strada ormai è chista
  • Iu di certu nun mi sbagghiu.
  •  
  • Mentri sentenziandu stava
  • L’incallitu scocciaturi;
  • Fusco Aristio arrivava
  • Comu un veru salvaturi.
  •  
  • -“D’unni veni e unni vai?”
  • mi dumanda lu bravacciu;
  • ‘Nto me cori allor spirai,
  • d’esser toltu di l’impacciu.
  •  
  • Accussì ci tiru a toga,
  • E ci strinciu forti u brazzu,
  • Ci segnalu ccu gran foga
  • Lu me gravi imbarazzu;
  •  
  • E St’ amara situaziuni
  • Cercu di farci capiri;
  • ma chi fa lu gran burluni?
  • Accumincia a surrìdiri.
  •  
  • Biliatu ppri stu fari
  • Incuraggiu l’impudenti
  • Lu segretu a cunfidari
  • Chi cridia fussi urgenti.
  •  
  • -“N’autra vota ‘nni parlamu,
  • ppri rispettu a li giudei
  • oggi è sabatu trentésimu
  • ‘nni videmu giornu sei.
  •  
  • Dettu ciò iddu sa svigna
  • E mi lassa sub cultro[3]
  • Sulu sulu ccu da tigna
  • Nu mmi resta fari altro.
  •  
  • Quannu ormai paria spacciatu
  • Sai ccu spunta  a nui davanti?
  • Lu nemicu consumatu
  • Du noiosu impenitenti.
  •  
  • A unni vai o sciaguratu?”
  • Grida ccu voci tunanti
  • L’avversariu inviperitu
  • Di la causa pendenti.
  •  
  • Or ti chiamu a testimuni
  • Si rivolge a mia quel tali,
  • porgo a lui il mio padigliuni[4]
  • ed ‘ntrasemu in tribunali.
  •  
  • Fu così che il sommo Apollo
  • Mi sottrasse dal tracollo.
  •  

     Dino Vadalà          


[1] Balzanu: persona strana,bizzarra

[2] Sciabicco :bastimento da carico

[3] Sub cultro: lett. sotto il coltello.

[4] Porgo l’orecchio


 

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.