(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Lu Salvaturi
AddThis Social Bookmark Button

 

 

  • Un bellu iornu, lu Patreternu si giravu attornu
    e visti chi lu munnu si stava sempri chiù pirdennu,
    ma prima ca si ripitissi, nautra babeli ca so turri,
    senza perdiri chiù tempu, vosi mannari lu Salvaturi.

    Scigliu na notti fridda ma tantu asciutta
    e lu fici nasciri intra ’na  bedda rutta,
    vicinu c’era genti di tutti li ceti e di tutti li razzi,
    niri, ianchi, mircanti, viaggiaturi ricchi e scalzi.

    I cieli di lu firmamentu, si schiareru all’impruvvisu
    e comu per incantu, l’anciuli di lu  paradisu,
    si misuru a cantari svigghiannu tutti quanti,
    puru a chiddi ca stavunu centu leghi distanti.

    Delegati di nu messaggiu “pi tutti li figghi soi”,
    “Alleluia, alleluia, gloria in excelsi Dei,”
    annunciaru cu forza a lu munnu interu,
    ch’era arrivatu lu figghiu di lu Diu veru.

    Tanta e tanta genti s’avviau pi la strada,
    chi sempri addivitavu chiù populata,
    lu fattu, si diffunnivu dall’ura in poi
    e ci purtaru subitu l’asinu e puru lu boi.

    E non fu propriu necessariu dumannari,
    qual’era lu giustu sentieru da pigghiari,
    tutti appressu a li maghi pi la via,
    ca siguivunu fiduciosi, la bedda prufizia.

    Saggi, piccaturi e uomini di buona creanza,
    ci purtarunu doni, amuri e tanta onoranza,
    s’avvicinaru silenziusamenti in punta di pedi,
    e finalmenti li su cori erunu tutti quanti cheti.

    E vaddannu ammirati, lu figghiu di Maria,
    cantaru tutti in coru, evviva è arruvatu lu Messia.


    Filippo Scolareci

 

Traduzuine letterale, per strofa, di Pippo Lombardo.

  • Il Salvatore


  • Un bel giorno, il Padreterno si girava attorno e vide che il mondo si stava sempre più perdendo, ma prima che si ripetesse un'altra babele con la sua torre, senza perdere più tempo, ha voluto mandare il Salvatore.
  • Scelse una notte fredda ma asciutta e lo fece nascere dentro una bella grotta, vicino c'era gente di tutti i ceti e di tutte le razze, neri, bianchi, mercanti, viaggiatori ricchi e scalzi.
  • I cieli del firmamento si sono schiariti all'improvviso e come per incanto, gli angeli del paradiso, si misero a cantare svegliando tutti quanti,  anche quelli che stavano distanti cento leghe.
  • Delegati per un messaggio per tutti i suoi figli, "Alleluia, alleluia, gloria in excelsi Dei", annunciarono con forza al mondo intero che era asrrivato il figlio del Dio vero.
  • Tanta e tanta gente s'avviò per strada, che sempre diventava più popolata, il fatto si diffuse da quel momento e gli portarono subito l'asino e anche il bue.
  • E non è stato necessario domandare qual'era il giusto sentiero da prendere, tutti dietro i  Re Magi  per la via, che seguivano fiduciosi , la bella profezia.
  • Saggi, peccatori e uomini di buona creanza, gli portarono doni, amore tanto onore, s'avvicinarono silenziosamente in punta di piedi, e finalmente i  loro cuori erano tutti quieti.
  • E guardando ammirati , il figlio di Maria, cantarono tutti in coro, evviva è arrivato il Messia.

 

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.