(13/02/18) Storia di San Valentino

La Basilica di San Valentino a Terni - Nella teca in crista...
Leggi tutto...

(04/02/18) La festa di sant'Agata a Catania

Questa pagina è dedicata ai devoti di Sant'Agata in tutto i...
Leggi tutto...

(20/01/18) Storia del Carnevale

Filmati del Carnevale di Rio, di Venezia, di Viareggio, d...
Leggi tutto...

(03/01/18) I Re Magi

La Lombardia è la terra che forse più di altre conserv...
Leggi tutto...
Sicilia
AddThis Social Bookmark Button

 

 

  • Come una lama
    che allunga il mio cammino
    questo lucido sole
    incanta l'attenzione.
    Non vedo le tue nuvole
    non voglio desideri
    solo cammino
    lungo questa luce
    che calma la mia voglia
    di tornare sui miei passi.
    Ma il tempo finisce
    non posso avere l'ombra amata.
    Le strade sono nuove
    nuovi baci cercandomi
    mi lasciano affranta
    fragorose le onde
    le sento dietro la macchia
    spengono gli altri suoni
    i canti degli uccelli
    emigrano nelle
    ore sonnolente
    dove il sole cerchia i visi
    cotti dalla sua calura
    dove i drappi neri
    su teste chine
    ossequiano signori
    venuti da lontano
    senza pietà, senza pudore
    scavano rughe su quei volti
    lasciano paure ed offese
    lasciano carichi di sale
    sulle spalle.
    Le tre braccia siciliane
    protese verso il mare
    cercano di afferrare
    libertà
    cercano di violare patti sconosciuti
    ingenue certezze felici
    di promesse menzognere
    affondano nei mari verdi e blu.

  • Elvira@Bordonaro.

 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.