(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...

(24/05/18) Centenario dell'Acquedotto Civico di Messina

a cura di Paolo Ullo Le opere acquedottistiche, realizzate...
Leggi tutto...

(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...
Bottaio
AddThis Social Bookmark Button

Il bottaio è il costruttore di botti in legno. È anche un personaggio letterario.

Oggi il mestiere del bottaio resiste ai tempi: in Italia è ancora possibile vedere all'opera un bottaio. Durante la creazione della botte il mastro bottaio sceglie il tipo di legno da utilizzare, per poi tagliarlo, ricavandone delle doghe che conserverà per la stagionatura, che solitamente dura da un anno a quattro anni.

Per la lavorazione della botte, il bottaio utilizzava il martello, la pialla, il pialletto e la sgorbia.

Esemplari di antichi attrezzi da lavoro usati dal bottaio sono conservati presso i musei dell'artigianato. Tra di essi si possono annoverare: asce, forme, la "varrina" (in napoletano vriala), la "tupinara", un attrezzo atto a praticare fori conici, e lo stampo (dalla forma simile ad un martello artigianale), usato per battere i cerchi con la mazza. Altri utensili sono molto simili a quelli impiegati dai mastri d'ascia nella costruzione dei gozzi in legno.

Il legno pregiato proviene solitamente dalla Francia o dalla Slavonia.

Le principali qualità di legno utilizzate sono:

legno di robinia;
legno di castagno;
legno di ciliegio;
legno di rovere francese o di Slavonia.
Oggi il mercato offre anche botti ricavati da altre specie di quercia.

Per la lavorazione della botte, il bottaio utilizzava il martello, la pialla, il pialletto e la sgorbia.

Esemplari di antichi attrezzi da lavoro usati dal bottaio sono conservati presso i musei dell'artigianato. Tra di essi si possono annoverare: asce, forme, la "varrina" (in napoletano vriala), la "tupinara", un attrezzo atto a praticare fori conici, e lo stampo (dalla forma simile ad un martello artigianale), usato per battere i cerchi con la mazza. Altri utensili sono molto simili a quelli impiegati dai mastri d'ascia nella costruzione dei gozzi in legno.

Fonte Wikipedia a cura di Pippo Lombardo 


 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.