(14/11/18) Una passeggiata guidata nel Centro Storico

  Consulta la guida turistica in pdf Messina città ...
Leggi tutto...

(09/11/18) Sistema politico della Repubblica Italiana vigente tra il 1948 e il 1994

  L'espressione Prima Repubblica è un termine giornal...
Leggi tutto...

(05/11/18) 50° anniversario dell'alluvione di Firenze

firenze E' l'alba del 4 novembre 1956 quando l'Arno inizia...
Leggi tutto...

(05/11/18) 11 novembre: usi, costumi e tradizioni per San Martino

L'11 novembre è San Martino. Il clima torna mite e il mo...
Leggi tutto...
Palla prigioniera
AddThis Social Bookmark Button

Palla prigioniera è un gioco all'aperto per ragazzi. Viene talvolta confuso con un altro gioco, piuttosto diverso, detto palla avvelenata.

Ogni partita avrà la durata di 10 minuti con cambio campo al 5° minuto. Il gioco avrà inizio solo dopo che i capitani delle due squadre avranno effettuato il sorteggio. Si può scegliere campo/palla/risposta. Il campo di gioco (palestra) è diviso da una riga in due parti uguali. Ogni metà campo avrà una zona delimitata da un nastro bianco a terra chiamata prigione.

I giocatori/trici che scenderanno in campo per effettuare la partita saranno quattro. Gli altri componenti della squadra saranno le riserve. Il capitano della squadra dovrà obbligatoriamente far giocare tutti i componenti della propria squadra. Devono giocare tutti. Prima di tirare la palla alla squadra avversaria si devono effettuare tre passaggi al volo. Vincerà solo la squadra che al termine della partita avrà un numero maggiore di giocatori/trici e prigionieri rispetto all'altra squadra. VITTORIA: PUNTI 3, SCONFITTA: PUNTI 0,un giocatore può andare in prigione solo quando la palla tocca il corpo avversario.

Una variante, invece, prevede il termine della partita con la "cattura" del capitano avversario, che naturalmente è "in incognito" per gli avversari. Un'altra variante di questo gioco è la palla avvelenata. Il dodgeball è una disciplina sportiva derivata dalla palla prigioniera; le regole sono state formalizzate originariamente negli Stati Uniti, e successivamente importate in altri paesi, inclusa l'Italia.

 


 
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.