(15/07/18) Sulle rive dello stretto

alba4 Hai mai udito il silenzio? Vieni sulle rive dello ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Il Festino di Santa Rosalia a Palermo

Il Festino di Santa Rosalia (u fistinu in siciliano) si ...
Leggi tutto...

(13/07/18) Mons. Giovanni Marra - Arcivescovo di Messina

  Giovanni Marra - Cinquefrondi (RC), 5 febbraio 1931 ...
Leggi tutto...

(12/07/18) Barcellona Pozzo di Gotto

Barcellona Pozzo di Gotto è un comune italiano di 41.401...
Leggi tutto...
Santu liberante
AddThis Social Bookmark Button


La statua di San Liberale custodita all'interno della chiesa di San Paolino agli Ogricoltori
meglio conosciuita come chiesa di Santa Rita sulla via Santa Marta.

 

  • Se scorri il calendario
  • Da gennaio a dicembre,
  • -io so che sta nascosto
  • Il primo di novembre-
  • E  leggi i  vari nomi
  • Di  tutti quanti  i santi
  • Non certo troverai
  • ‘u Santu Libberanti.

 

  • Eppure è il primo santo
  • Che viene già invocato
  • Fin di prima mattina
  • Da quando ti sei alzato.
  • E’ un santo disponibile
  • Che aiuta tutti quanti.
  • Il nome è risaputo
  • E’ Santu libberanti.

 

  • Lo si invoca se lampia,
  • Se piove ad alluvione
  • Oppure si  tronia
  • Senza un’interruzione
  • E quando si è malati
  • Oppure se si teme
  • D’essere truffati.
  • O quando s’avvicina
  • Un noto iettatore.
  • Invocan tutti quanti
  • Il Santo liberatore.

 

  • E quando dietro la porta
  • Bussa na camurria,
  • O un tale  cerca - soldi
  • Ti ferma per la via,
  • Se poi arriva a un tratto
  • Una pur lieve scossetta
  • Oppure se t’affligge
  • Il costo della bolletta
  • S’invoca tutti quanti.
  • a Santu libberanti.

 

  • Italo Rappazzo

 

 

ndr - ll santo è venerato a Trapani. La chiesa fu costruita nei primi anni del secolo XVII dai pescatori di corallo trapanesi in ringraziamento per la pesca di un’ingente quantità di corallo avvenuta per  intercessione di San Liberale o Liberante.

Si narra infatti che un corallaro trapanese, spintosi vicino alle coste tunisine, fosse stato catturato e ucciso nei pressi del luogo dove San Liberale era stato martirizzato per non avere rinnegato la fede in Cristo. Nello stesso giorno altri pescatori trapanesi fecero l’ingente pesca di corallo. Ritornati a Trapani, i corallai depositarono il prezioso carico nel luogo dove, fra gli scogli, si trovava la chiesa di Nostra Signora che in seguito ricostruirono e dedicarono a  San Liberale.

Il sito è sempre stato luogo di devozione dei pescatori della zona che, nella giornata dedicata al santo, organizzano dei festeggiamenti in suo onore.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.