(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...

(24/05/18) Centenario dell'Acquedotto Civico di Messina

a cura di Paolo Ullo Le opere acquedottistiche, realizzate...
Leggi tutto...

(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...
Luna china
AddThis Social Bookmark Button

Una poesia di Italo Rappazzo in vernacolo e in lingua

Sta sira ch’’u ventu s’acchetatu

Vogghiu vidiri u’ brisciri da’ luna

Chi di ‘stu celu è ‘a sula patruna

Pari chi p’idda u’ tempu s’è femmatu.

 

Quannu mi vidi sentu com’un ciatu

“T’arricordi quann’eri picciriddu

E non avivi abbentu com’n firinghiddu

E cu’ ttia stava to patri miso o’ latu?

 

E t’arricordi chi dicia ‘i mia?

Chi l’Asprumunti mi tinia mmucciata

‘n facci ‘i Missina bedda e costumata

Chi Calabrisi misa ‘n cumpagnia.

 

Dopu cu’ suli s’innavia calatu

Iddi pigghiaunu ranni furchittuni

E mi spinciunu jauta comu ‘nu palluni

Jancu rutunnu tuttu ‘llumimatu.”

 

Passaru l’anni e s’annarunu a mmucciari

Arretri all’Asprumunti calabrisi.

Ddi furchittuni unnu l’hannu misi

Chi putissiru farli arritunnari?

 

Comu vurria patri mei disiatu

Chi donnanova tu dicissi a mmia

‘Ddu cuntu chi tantu mi piacia

Comu si fussi ‘a llatu a mmia turnatu.

 

Italo Rappazzo

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

Luna piena

Questa sera che il vento s’è quietato

Voglio vedere il sorgere della luna

Che di questo cielo è la sola padrona

Sembra che per lei il tempo si sia fermato.

 

Quando mi vede sento come un soffio

“Ti ricordi quando eri piccolo

E non avevi quiete come una girandola

E con te stava tuo padre messo a lato?

 

E ti ricordi cosa diceva di me?

Che l’Aspromonte mi teneva nascosta

Di fronte a Messina bella e civile.

In compagnia dei Calabresi.

 

Dopo che il sole era tramontato

Quelli prendevano dei grandi forchettoni

E mi spingevano in alto come un pallone

Bianco rotondo tutto illuminato.”

 

Sono passati gli anni e si sono nascosti

Dietro l’Aspromonte calabrese

Quei forchettoni dove li hanno messi

Che potrebbero farli ritornare?

 

Come vorrei padre mio desiderato

Che nuovamente tu mi dicessi

Quel racconto che tanto mi piaceva

Come se fossi tornato a me accanto.

 

Italo Rappazzo

 

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.