(17/09/18) Da Messina ad Adua

Il 18 dicembre 1895 la città salutò festante gli uomini de...
Leggi tutto...

(17/09/18) Le strade militari di collegamento tra i Forti umbertini di Messina

Sulle Vie dei Cannoni. Studi preliminari. di Vincenzo Ca...
Leggi tutto...

(17/09/18) Messina e la Grande Guerra

Tratto da: Messina nella Prima Guerra Mondiale. Edito dalla ...
Leggi tutto...

(17/09/18) 1917. I sommergibili tedeschi nello Stretto di Messina

Messina nella Prima guerra Mondiale, Edas, Messina 2008 ...
Leggi tutto...
Peloro
AddThis Social Bookmark Button

Peloro era la personificazione del promontorio di Messina oggi detto Capo del Faro. Vi si ammirava da lontano un tumulo di tale Dio o meglio una statua che si elevava in alto e serviva da segnale ai naviganti.

Peloro era il pilota della nave di Annibale il quale, ritenendosi ingannato poiché viaggiando verso lo Stretto provenendo da Occidente, non vide alcun passaggio, apparendo unite le coste di Sicilia e Calabria, fece uccidere il suo pilota, ma dopo poco si accorse che il passaggio in realtà esisteva veramente, come assicurava sino alla morte il povero Peloro. Annibale per immortalare il fedele pilota, ingiustamente ucciso, gli intitolò l’estremo capo dell’Isola. Questa leggenda tramandata da vari autori, diviene però insostenibile se si tiene conto che già nel VI sec. a.C., quindi circa 300 anni prima della venuta di Annibale in Sicilia, esisteva e si praticava diffusamente il culto alla ninfa Pelorias nella nostra città.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.