(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
La Processione del Vascelluzzo
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

 

 

 

 

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

                               Il video del trasporto dalla Chiesa dei Marinai al Duomo 


Nel giorno della festività del Corpus Domini è tradizione che a Messina, nelle ore pomeridiane, venga portato in processione il “Vascelluzzo”, opera di argentieri messinesi del XVI secolo. 

Si inizia al mattino con la preparazione del fercolo e la celebrazione della Santa Messa nella chiesa dei Marinai.

Subito dopo il Vascelluzzo viene portato in processione al Duomo e nelle ore serali in processione per le vie della città.  

   

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

                               L'arrivo in piazza Duomo e l'ingresso in Cattedrale

Voluto dai devoti in ringraziamento alla Madonna della Lettera per aver fatto giungere in porto navi cariche di grano durante la tremenda carestia del 1301, quando Messina era assediata dall’esercito di Roberto d’Angiò, e del sec. XVI, venne fatto realizzare dalla Confraternita di S. Maria di Porto Salvo dei Marinai che diede l’incarico ad un ignoto cesellatore (sicuramente un messinese, considerato che nel XVI secolo l’arte dell’argenteria toccava vertici di assoluta perfezione ed era fiorentissima nella città). Già nel gennaio del 1576, la baretta col vascello d’argento era completata.

Il 7 febbraio, poi, i confrati avanzavano richiesta agli amministratori cittadini per poter collocare sul “Vascelluzzo” la “pigna” in cristallo di rocca con la reliquia dei capelli della Madonna, richiesta che venne poi accolta.

Il “Vascelluzzo”, in sostanza, è la sintesi emozionale, in forma di ex-voto d’argento, di tutti i tremendi periodi di carestia che Messina attraversò durante la sua tormentata storia. Oltre quello più antico del 1301, altri tristi avvenimenti si verificarono nelle carestie del sec. XVI, nel 1603, nel 1636 e nel Sabato Santo del 1653: anche in questi casi, l’intervento della Madonna della Lettera fece sì che giungessero in porto navi cariche di frumento.        

 

Sulle quattro facce del basamento che sostiene il “Vascelluzzo” vi sono altrettanti medaglioni con le raffigurazioni, a sbalzo, della "Madonna della Lettera"; di "Sant’Alberto" con la Bibbia ed il giglio; di "San Placido con i suoi fratelli Martiri" e della "Madonna di Porto Salvo" con sullo sfondo la città di Messina e la Palazzata.

Al centro di ogni lato si trovano, in altorilievo, quattro testine argentee con busto raffiguranti i marinai che, secondo la tradizione, fecero realizzare la varetta.

Ai quattro angoli sono fissati altrettanti angeli a braccia protese che, oltre a spighe di grano, sorreggevano vari oggetti andati perduti nel tempo.

Durante l’anno il “Vascelluzzo” è custodito all’interno della chiesa di Santa Maria di Porto Salvo dei Marinai, e, prima della processione, viene  addobbato con spighe di grano, fiori e bandierine.

In Cattedrale viene sistemato, sotto una splendida e cesellata corona regale sorretta da angioletti, un cilindro di vetro contenente i “Sacri Capelli” della Madonna.

Conclusa la processione e consegnata la reliquia, il “Vascelluzzo” è riportato alla chiesa dei Marinai e le spighe di grano vengono distribuite ai fedeli, che le custodiscono in casa in segno di augurale abbondanza. 

 

Le fotografie, dalla Santa Messa del mattino fino al rientro nella Chiesa dei Marinai:

gallery 1

gallery 2

gallery 3   

gallery 4  


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.