(20/04/18) 1 Maggio - Per non dimenticare "Portella della Ginestra"

  Renato Guttuso - Portella della Ginestra Dopo anni d...
Leggi tutto...

(20/03/18) La settimana Santa a Messina

                    ...
Leggi tutto...

(18/03/18) La Festa del Papà

Il 19 marzo, giorno di San Giuseppe, si celebra in Italia...
Leggi tutto...

(10/03/18) C'ero anch'io

La famiglia Rappazzo La mia storia in quegli anni di guer...
Leggi tutto...
Tindari
AddThis Social Bookmark Button

Sorge su un Capo Roccioso, sulla costa tirrenica dei monti Peloritani. Il centro abitato conta  112 abitanti e un dislivello dal mare di 279 metri. Fa parte del comune di Patti.

Famosa per il Santuario dedicato alla cosiddetta " Madonna Nera " meta di continui e massicci pellegrinaggi, un simulacro ligneo di epoca bizantina qui trasportato al tempo di Leone III  Isaurico ( l'imperatore d'oriente che promulgò l'editto con cui si proibiva il culto delle sacre immagini), venne fondata da Dionisio I tiranno di Siracusa, nel 396 a.C. col nome di Tyndaris.  In epoca romana venne trasformata nell'assetto urbanistico con l'edificazione di importanti edifici pubblici, e, nel I secolo d.C.,  una porzione della città fu distrutta precipitando sul mare sottostante in seguito ad un catastrofico evento franoso. Venne , poi, totalmente rasa al suolo dagli arabi versi il IX – X secolo.

Della Tindari romana, gli scavi archeologici hanno messo in luce il tessuto urbano a scacchiera, con isolati delimitati da cardini secondari e decumani principali. Sulle strade si affacciavano botteghe o "tabernae" e magazzini, case ed un'abitazione, in particolare , di famiglia agiata, decorata con mosaici pavimentali ed annesso un piccolo complesso termale ( seconda metà I secolo a.C.) . Sui pavimenti dei locali delle terme, pregevoli mosaici decorano gli spogliatoi ( "Toro" " Trinacria" e "pilei dei Dioscuri" simbolo di Tyndaris); il frigidarium ("lotta fra i due atleti Verna e Afer", "delfini" " centauro marino") e il tepidarium ( tondo con "Dionisio e  Pantere"). La vicina Basilica, grande sala di riunione di uso tipicamente romano, risale all'età tardo – imperiale romana ed era coperta da imponenti volte a botte. Addossato alle colline al di sopra del decumano superiore, è ubicato il Teatro con cavea di originaria impostazione greca del III e II secolo a.C.. Divisa in 11 cunei e con un diametro di 63 metri, la cavea è, secondo la tradizione ellenica, rivolta verso il mare Tirreno e le Isole Eolie, quali quinte scenografiche naturali.  Le mura difensive di fortificazione, erette nel III secolo a.C.  e modificate  in epoca romana, cingevano il colle e di esse rimangono 6 brani  significativi del tratto meridionale con le torri e la porta principale.

Nell'area archeologica, il piccolo museo-antiquarium conserva materiali fittili e preziosi corredi funerari rinvenuti durante gli scavi nelle necropoli greche e romane.

Galleria fotografica


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.