(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
San Marco D'Alunzio
AddThis Social Bookmark Button

E' situato sulle pendici settentrionali dei Nebrodi  a 130 km. da Messina. Ha una superficie di 39 kmq. e una popolazione di 2.202 abitanti. Fu contea feudale.

L'antica  " Aluntium", nel IV secolo a.C., alla civiltà sicula locale vi sostituì la più raffinata civiltà ellenica.

All'inizio del paese, su una rupe, fu eretto il Tempio di Ercole di età ellenistica (IV sec.a.C.) successivamente trasformato  nella chiesa di San Marco e di cui sono visibili lo stilobate e le mura perimetrali.

Del Castello, fondato da Roberto il Guiscardo nel 1061, rimangono pochi ruderi che dominano l'abitato.

Da visitare la Badia grande del SS. Salvatore costruita nel 1176 da Margherita, moglie di Guglielmo I e poi rifatta nel Seicento. Conserva il bel portale del 1713 e stucchi settecenteschi della scuola del Serpotta.

Un video RAI del 1956 sulle portatrici di pietre a San Marco D'Alunzio

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.


La chiesa di S. Agostino o  S. Maria dell' Aiuto (sec. XV ) custodisce una statua marmorea della "Madonna col Bambino" di Antonello Gagini (sec. XVI) e la cappella gentilizia  marmorea dei Principi Filingeri ( sec. XV ).

Interessanti,  ancora, la chiesa di San Teodoro (sec. XI ) detta Badia Piccola; la Chiesa Madre dedicata a San Nicolò di Bari di impianto medievale e ampliata nel secolo XVII, che conserva un quadro della "Madonna del Rosario" (sec. XVI ), una Cantoria in legno  zecchinato( sec. XVII) e i portali di facciata datati 1616; la chiesa di  Santa Maria Aracoeli ( sec. XVI); la chiesa di S. Antonio ( sec. XVII ); la chiesa di San Basilio di impianto medievale; la chiesa di San Giuseppe ( 1656) e la chiesa della SS. Annunziata, che conserva una pregevole "Madonna" marmorea della scuola del Gagini ( sec. XVI).

Galleria fotografica


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.