(14/11/18) Una passeggiata guidata nel Centro Storico

  Consulta la guida turistica in pdf Messina città ...
Leggi tutto...

(09/11/18) Sistema politico della Repubblica Italiana vigente tra il 1948 e il 1994

  L'espressione Prima Repubblica è un termine giornal...
Leggi tutto...

(05/11/18) 50° anniversario dell'alluvione di Firenze

firenze E' l'alba del 4 novembre 1956 quando l'Arno inizia...
Leggi tutto...

(05/11/18) 11 novembre: usi, costumi e tradizioni per San Martino

L'11 novembre è San Martino. Il clima torna mite e il mo...
Leggi tutto...
Scilla e Cariddi
AddThis Social Bookmark Button

Dici a liggenna chi Scilla e Caridd'ì

èrunu mostri cu sei rossi testi,

mpruppati i sutta cu occhi mulesti,

cu rossi mirini e tisi titiddi.

 

Gghiuttìunu acqua e ciatu a non po' cchiui

e poi bramusi i coppu a vumitàunu

tri voti ò ionnu, e poi bbaiàvunu

comu i cani bocciarischi tutt'e ddui.

 

Scilla lagnava i na rocca mpunenti,

Cariddi siminava motti e ruina:

sdillirìunu ntà ributtatina,

mustrannu sempri setti fila i denti.

 

Tantu chi quannu passau l'anticu aroi,

a latru e latruni se' coria si mmuccàru:

ssummàru se' testi e nta nenti s'i llapàru,

mancu li cani! comu saddi e ancioi.

 

Facìunu stragi sempri a lupatina,

a finimunnu, cu furia nfìnnali,

scuncassannu dù Strittu lu funnali
e i pidamenta di Riggiu e Missina.  


Maria Costa

Scilla e Cariddi

Dice la leggenda che Scilla e Cariddi / erano mostri con sei grosse teste, / tentacolati sotto con occhi molesti, / con grosse mammelle e tesi capezzoli. // Inghiottivano acqua a fiato a non ne posso più / e poi bramose di colpo la vomitavano / tre volte al giorno, e poi abbaiavano / come cani boccia-reschi tutt'e due. // Scilla si lamentava da una rocca imponente, / Cariddi seminava morte e rovina: / deliravano durante il ributtare del mare, /mostrando sempre sette file di denti. // Tanto che quando passò l'antico eroe, / a ladro e ladrone sei vittime ingoiarono; / emersero sei teste e in un fiat le aggredirono, manco i cani! come sarde e acciughe. // Facevano strage sempre famelicamente, / a finimondo, con furia infernale, / scon­quassando dello Stretto il fondale / e le basi di Reggio e Messina.

 


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.