(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
A' Biata Eustochia Calafatu chi oggi Santa divintau
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

-

 Chi festa ‘ranni oggi c’è a Missina,

 all’umbra di la beddha Madunnina!

‘A gioia ‘nta città è propriu tanta,

 picchì diventa terra di ‘na Santa:

Eustochia Calafatu, la “Biata”,

 chi Santa veni oggi proclamata

da Giuvanni Paulu secunnu,

 chi ‘ppi la prima vota, ‘ntra lu munnu,

 

lassa Roma, e ‘nta città dù Strittu,

 ci offri ‘e missinisi lu dirittu

d’aviri ‘na gran Santa cittadina

 chi dugna onuri a la so’ Missina.

Parrannu a ‘rribba di lu nostru azzurru mari,

‘u Papa, ‘a vosi ccà canonizzari,

unn’iddha tantu  fu “disiddhirata”,

 nascennu ‘ntra ‘na  staddha, all’”Annunziata”.

 

 Biddhizzi, ‘nni spannia all’acqua e ‘o ventu

ma ‘nto so’ cori, un sulu sentimentu:

amari assai l’Ostia consacrata

 ed èssiri cù Diu,’a so’ sposa amata!

 Ci desi ‘e povireddhi ‘a so’ ricchizza,

assemi a tantu amuri e tinirizza,

e lassannu ‘a famigghia, accussì cara,

 monica divintau di Santa Chiara

 

e Vergini Clarissa missinisa,

 ristau a San Franciscu, suttumisa,

costruennu, cù ‘nu zelu assai sinceru,

 di clausura un beddhu Monasteru,

‘unni ‘a so’ vita desi cù sprinnuri,

 sirvennu notti e ghiornu lu Signuri,

assemi a tanti autri consorelli,

  prigannu, ognuna, ‘nte so’ propri celli.

 

 Figghiola ancora, ‘a so’ lampada stutau

 ‘u Signuri,  e ‘n celu l’addhumau,

‘unni oggi, di ‘ll’Anciuli attorniata,

 assemi all’autri Santi è ‘ncurunata.

Oggi, ‘e to’ pedi, ognunu a Tia s’inchina

e ‘sta terra, ‘a beddha to’ Missina,

 cù cori ‘i matri, ‘n lacrimi, filici,

 T’invoca amabili, gran protettrici.

 

Filippo Panarello

 

Messina, 11 giugno 1988

 

 

 

Questa poesia è stata recitata, dallo stesso autore, a Papa Giovanni Paolo II il giorno della canonizzazione l'11 giugno 1988.

 

Alla Beata Eustochia Calafato che oggi  è diventata Santa

Che festa grande oggi  c'è a Messina / all'ombra della bella Madonnina! / La gioia nella città è proprio tanta, / perché diventa terra di una Santa: / Eustochia Calafato la "Beata", /  che santa viene oggi proclamata / da Giovanni Paolo secondo, / che per la prima volta in tutto il mondo, / lascia Roma, e nella città dello Stretto, / offre ai messinesi il diritto d'avere una gran Santa cittadina /  che da onore alla sua Messina. /  Parlando a riva del nostro azzurro mare, /  il Papa l'ha voluta Canonizare, / dove lei è  stata tanto "desiderata", / nascendo in una strada all' "Annunziata". / Bellezze ne spandeva all'acqua e al vento / ma nel suo cuorte un grande sentimento: /  amare  molto l'Ostia consacrata / ed essere con Dio, la sua sposa amata! / Ha dato ai poveri la sua ricchezza, / assiema a tanto amore e tenerezza, / e lasciando la famiglia così cara, / momaca è diventata a Santa Chiara / e Vergine Clarissa messinese, / è rimasta a San Francesco, sottomessa, / costruendo con uno zelo molto sincero, / di clausura un bello Monastero, / dove la sua vita ha dato con splendore / servendo notte e  giorno il Signore, / assieme a tante altre consorelle, / pregando, ognuna, dentro le proprie celle. /  ancora giovane la sua lampada si è spenta / il Signore in Cielo l'ha accesa, / dove oggi, dagli Angeli attorniata, / assieme agli altri Santi incoronata. / Oggi ai tuoi oiedi ognuno a Te si inchina / e questa terra bella la tua Messina,/ col cuore di madre in lacrime felice, / Ti invoca amabile, gran protettrice.    

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.