(03/01/18) I Re Magi

La Lombardia è la terra che forse più di altre conserv...
Leggi tutto...

(30/12/17) Chi è la "Befana"

  La Befana appartiene alle figure folkloristiche, dis...
Leggi tutto...

(27/12/17) Messina, 28 dicembre 1908 ore 5:21:42

  Una notte maledetta da dimenticare. terremoto ...
Leggi tutto...

(12/12/17) 13 dicembre Santa Lucia, usi costumi e tradizioni

Di santa Lucia sembra esistere a Siracusa il loculo, cio...
Leggi tutto...
I bromi
AddThis Social Bookmark Button

S'avànzunu sti strani ballarini

cu vesti viola chiarii, trasparenti:

si nnacarìunu, vennu lenti lenti,

tutti zareddi, stràscichi e nastrini.

A voti ssimìgghiunu umbrillini,
fatti i n'attista cu li sacramenti;
doppu l'unna, spinciuta dà currenti,
i mmesti ò scaru stanchi e morticini. 

E mmùsciunu ddà supra dà rina,

mmatàffunu. U ballu ora finìu

riddutti, nnimaleddi, in gilatina.

Pi iddi u sipàriu si chiudìu,
mènnuli amari di l'acqua marina,
ma ntò me cori un cantu già ciurìu.     


Maria Costa

Le meduse


Avanzano questi strani ballerini / con vesti viola chiaro, trasparenti: / si dondolano, vanno lente lente, / tutte fronzoli, strascichi e nastrini. // A volte assomigliano ad ombrellini, / fatti da un artista con i sacramenti; / dopo l'onda, spinta dalla corrente, / le investe allo scaro stanche e morticine. // E ammosciano là sulla sabbia, / s'afflosciano. Il ballo ora è finito, / ridotti, poveri animali, in gelatina. // Per essi il sipario si è chiuso, / mandorle amare dell'acqua marina, / ma nel mio cuore un canto è già fiorito.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.