(24/05/18) Il ritorno della "Maniedda"

OMAGGIO ALLA STORIA DI SANTO STEFANO DI BRIGA Il “Rit...
Leggi tutto...

(24/05/18) L’acqua è di tutti e guai a chi la tocca.

di Paolo Ullo Senza dover andare lontano, basta spulcia...
Leggi tutto...

(24/05/18) Centenario dell'Acquedotto Civico di Messina

a cura di Paolo Ullo Le opere acquedottistiche, realizzate...
Leggi tutto...

(16/05/18) 'A banniata

banniata ‘A banniata o ‘A vanniata – La strillata ca...
Leggi tutto...
Descrizione della Città di Messina
AddThis Social Bookmark Button

Sorge in teatro: e l’è corona un monte;
Cui l’Alba imperla, e ‘l primo Sole indora;
Città, che ’l mare, e ’l Ciel, mentre inamora;
il piè le bacia il mare: il Ciel la fronte.  

Quinci rompe il Tirren, l’Ionio a fronte,
Sol per lei vagheggiar l’onda sonora.
Quindi par, ch’a veder l’Italia ancora
Affretti i colli, e sovra ‘l mar sormonte.

Per lei s’arma Orion di stelle d’oro:
e a custodirla, entro saffolo laccio
Cariddi, e Scilla incatenò Peloro.

Perché ‘n trofeo del lor più alto impaccio,
qui s’avider, che stanche al gran lavoro,
Posò l’Arte la man, Natura il braccio.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.