(03/01/18) I Re Magi

La Lombardia è la terra che forse più di altre conserv...
Leggi tutto...

(30/12/17) Chi è la "Befana"

  La Befana appartiene alle figure folkloristiche, dis...
Leggi tutto...

(27/12/17) Messina, 28 dicembre 1908 ore 5:21:42

  Una notte maledetta da dimenticare. terremoto ...
Leggi tutto...

(12/12/17) 13 dicembre Santa Lucia, usi costumi e tradizioni

Di santa Lucia sembra esistere a Siracusa il loculo, cio...
Leggi tutto...
Casi Basci
AddThis Social Bookmark Button

Straviddicati nta na lìngua i terra, 
bbagnati dà marittola,
vìttunu l'arrivu i l'aroi di Caprera.

E so tempi avìunu u puzzu, 

a pèggula cu Nazzarenu,
a bèttula, u funnu i fraschi,
u tiru a volu,
a calata ò spirò, u scibbacheddu
e a funtana chi nté notti i chiaranzana s'aggintava.


Cammarotu ntò menzijonnu
isava l'occhi ò celu.


Pidòcchia vinnìa accenni cabbuni ddu soddi a duzzina.


 

Llareddu, babbiceddu, cantava:
"Ole, ole alagna,
passa u re di Spagna".


I figghiuleddi giucàvunu a cciàppari,
a l'arni, a mmoffa ò suddatu:
vulàvunu certi llàlliri e poi: nuddu fu!


A squagghiatina a nivi i sti nnunciteddi
a pedi n terra
si nni cuntàu ottu motti in guerra.


Cu stu paisi io vidu tanti paisi
dà me Siggìlia, cà so storia,
chi so tradizioni, cu so ciàuru
di mari e niputedda.


Dapoi a rota dù munnu allatiàu
cita, cuntrati, villaggi e vadduni.


E supra i sagghi i porta disetti
unni na vota i vecchi filàvunu a lana
cu mani patuti e travagghiati,
ora àutri mani disonesti
làssunu  zziringhi  nzanguliati.

 


Maria Costa

   

Case Basse

Distese di sbieco in una lingua di terra, / bagnate dalla marettina, / videro l'arrivo dell'eroe di Caprera. // Ai loro tempi avevano il pozzo, / il pergo­lato col Nazareno, / la bisaccia, / il forno a frasche, / il tiro a volo, / la calata allo spirar del giorno, / lo "sciabachello" / e la fontana che nelle notti di plenilunio s'argentava. // Cammaroto al meriggio / alzava gli occhi al cielo. // Pidocchia vendeva fiammiferi carbone / due soldi la dozzina. // "Llarello, cretinello", cantava: / "Ole, ole, olagna, / passa il re di Spagna". //1 ragazzi giocavano al "lancio delle pietre", / " all'anello", allo schiaffo del soldato; / volavano certe sberle / e poi: nessuno è stato! //Allo sciogli­mento della neve di questi poveri innocenti / a piede in terra / se ne conta­rono otto morti in guerra. // In questo paese io vedo tanti paesi / della mia Sicilia, con la loro storia, / con le loro tradizioni, col loro profumo / di mare e nepitella. // Poi la ruota del mondo sbandò / città, contrade, villaggi e valli. // E sulle soglie deserte / dove un tempo i vecchi filavano la lana / con mani patite e lavorate, / ora altre mani disoneste / lasciano siringhe insanguinate.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.