(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Muluni di Muttiddi
AddThis Social Bookmark Button

Brazza fotti com'ò ferru,
e voga, voga, orru orru,
cu sittanta cantàra i muluni
rrancava a bacca i "Cannolicchio".

Muluni sutta a prua,
muluni sutta a puppa,
e facchi
a catòmica,
a piràmida, a chicchiriddu,
mpunenti comu a ntinna a mari.

Muluni viddi scuratizzi,
longulini,
russi,
mpuppurati
comu certi cuccati i suli a munti Cìccia.


"Muluni dì Muttiddi,
bàssimu pi ranni e picciriddi",
banniava Saru u putiaru ò Sabbaturi i Deci.


A Vara, festa cara è missinisi,
ognidunu u mintìa ntà bagnalora, cu a ribba ò mari,
àutri u calàunu ntò puzzu.

 

E doppu a sbafata dà pasta ncaciata
e dù jadduzzu,
comu curunamentu ce'eri tu, muluni,
ncuraddatu comu granatu,
simulusu, sapurusu,

ffeddiatu a menza luna
cu prèiu, festa, vita, parracìa,
buddillinu e dapoi stricatu a ianga,
cu ciaccati di risa e cu fraiddi.


Muluni dì Muttiddi,

un tempu veru Re di Menzaustu!

 


Maria Costa

  

Melloni di Mortelle


 

Braccia forti come il ferro, / e voga, voga, costa costa, / con settanta quin­tali di melloni / arrancava la baica di "Cannolicchio". // Melloni sotto la prua, / melloni sotto la poppa, / e paratia alta / a dunetta, / a piramide, a picco, / imponente come l'antenna a mare. // Melloni verdi scuri, / allun­gati, / rossi, / imporporati / come certi tramonti di sole a Monte Ciccia. // "Melloni di Mortelle, / balsamo per grandi e piccoli" / gridava Saro il bottegaio al Salvatore dei Greci. // Per la Vara, festa cara ai messinesi, / ognuno lo metteva nella bagnarola, chi in riva al mare, / altri lo scende­vano nel pozzo. // E dopo la "sbafata" della pasta "ncaciata" / e del galletto, / come coronamento c'eri tu, mellone, / corallino come mela­grana, / semoloso, gustoso, / affettato a mezza luna / con gioia, festa, vita, parlottìo, / bordellino e poi passato sul dente, / con scoppi di risa e con strilli. // Mellone di Mortelle, / un tempo Re di Mezz'Agosto


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.