(03/01/18) I Re Magi

La Lombardia è la terra che forse più di altre conserv...
Leggi tutto...

(30/12/17) Chi è la "Befana"

  La Befana appartiene alle figure folkloristiche, dis...
Leggi tutto...

(27/12/17) Messina, 28 dicembre 1908 ore 5:21:42

  Una notte maledetta da dimenticare. terremoto ...
Leggi tutto...

(12/12/17) 13 dicembre Santa Lucia, usi costumi e tradizioni

Di santa Lucia sembra esistere a Siracusa il loculo, cio...
Leggi tutto...
Missina in cattulina
AddThis Social Bookmark Button

Ssu mari ncrispateddu
a uzzi a uzzi, càrricu d'acciacchi
e di malanni
ancora teni.

Di ccà passaru
Nnìbili, Mamuka e Don Giovanni
e storia scriveru.

Ssi munti a nneru nneru,
scavati, mazziati, ssassinati
dà pala e dù cimentu
non àppunu abbentu
e u ciàuru dì zàchiri, violi e gessumini
                                  s'a svignaru.

Eri tiatru marinaru na vota
e cu vinìa cci lassava l'occhi,
cita ricca e fiurenti di sita grezza, òrifi e ginteri.

Eri a nvìdia i tanti,
poi tirrimoti, guerri, caristii e malacanni
ti cunzaru.

Ma quacchi cosicedda pi futtuna ti ristau:
u gricali, a murina,
a fata Muggana,
a stidda matutina
e ddu spècchiu i suli a paparina.

E chisti, razia i Diu,
'omu cu tutta a so putenza, cu tuttu u so cumannu,
cu tutti i so dinari
non t'i pò tuccari.


Maria Costa


 

Messina in cartolina         

Il tuo mare crespo / a telline telline / carico di acciacchi / e di malanni, ancora tiene. // Di qua passarono / Annibale, Mamuka e Don Giovanni / e scrissero storia. //1 tuoi monti malandati, / scavati, malmenati, assassinati / dalla pala e dal cemento / non hanno avuto requie, / e il profumo delle zagare, viole e gelsomini / sono scomparsi. // Eri teatro marinaro un tempo, / e chi veniva ci lasciava gli occhi, / città ricca e fiorente di seta grezza, orafi e argentieri. // Eri l'invidia di tanti, / poi terremoti, guerre, carestie e malacarne / t'hanno accconciata. // Ma qualche cosetta per fortuna è rima­sta: / il grecale, / la morena, / la Fata Morgana, / la stella del mattino / e quello specchio di sole a papavero. / E queste cose, grazie a Dio, / l'uomo con tutta la sua potenza, con tutto il suo comando, / con tutti i suoi denari / non te le può toccare.


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.