(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
'U missinisi e 'u buddhaci
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

 

 

C’è un omu ò munnu, tantu bommagaru

chi nominatu fu lu “’bbuccazzaru”!

parra, ‘nfirucìa  e ‘mmustra i denti

ma poi, ‘n sustanza, non cummina nenti.

 

Sìculu di razza o pì pritisi,

‘u titulu v’u dici, è ‘u “missinisi”,

stimatu pù so’ sali ‘ntra la ‘zzucca,

ma criticatu p’a lagghizza’i bucca.

 

Ma, ‘a definizioni ‘cchiù veraci

fu quannu ‘u defineru ‘u “buddhaci”!

E c’u ci fici ‘stu gran paraguni

fu certu un veru omu e non tistuni.

 

‘U buddhaci, pisci ‘i pottu, ammenzu e scogghi,

‘i tantu ‘n tantu, ‘occhi vimmuzzu cogghi.

E’ bonu, boriusu, all’amu ‘mmucca,

e si capisci sulu p’a so’ bucca.

 

Un pisci, quasi l’unicu ‘nta ‘rrazza,

chi ghiapri e ‘nchiudi sempri ddha ‘bbuccazza.

Dannu non ‘nni fa:’u ‘cchiù fissa ‘i tutti.

Pissinu ‘u pisci ‘i brodu lu ‘strafutti.

 

Ogni tantu, ‘nchiana a galla e l’acqua scoti,

‘ddha ‘bbuccazza ‘a iapri e ‘nchiudi dui, tri voti;

si vadda ‘n giru, beddhu, tunnu, tunnu

e si ‘nni scinni ‘n’autra vota o’ funnu.

 

 

 


 

 

Il messinese e il buddace (pesce dalla bocca grande,  che mangia tutto quello che gli capita). La raffigurazione del pesce è sulla facciata di Palazzo Zanca, sede del Municipio di Messina. 

C'è un uomo al mondo tanto fanatico / che è stato nominato "uomo di bocca" / parla, mostra i denti, / ma poi in sostanza, non combina niente. / Siciliano di razza e per pretese / il titolo ve lo dice è un "messinese" / stimato per il suo sale dentro la testa / ma criticato per la larghezza di bocca. / Ma la definizione più verace / è stata quandop lo hanno definito "buddaci". / E chi ha fatto questo gran paragone / è stato certo uomo e non testone. / Il buddace, pesce di porto,in mezzo agli scogli / di tanto in tanto, raccoglie qualche vermicello. / e' buono, fanatico, all'amo abbocca, / e si capisce solo per la sua bocca. / Un pesce, quasi unico nella razza, / che apre e chiude sempre quella boccaccia. / danno non ne fa: è il più scemo di tutti. / Persino un pesce di brodo lo frega. / Ogni tanto, sale a galla e scuote l'acqua, / quella boccaccia apre e chiude due tre volte; / si guarda in giro bello tondo, tondo / e se ne scende  un'altra volta al fondo.

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.