(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
Chinnici austu: jaddhuzzi e jaddhini!
AddThis Social Bookmark Button

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Addiu – ci dicia ‘nu jaddhuzzu

a la so’ jaddhineddha prifirita –

mi scippirannu, certu, lu cuddhuzzu

e finirà, ‘ccussì, a me’ beddha vita!”

 

“Du’ jorna dura ancora lu me’ cantu

e poi mi ‘nni vaiu ‘o campusantu!”

 

“Ciatuzzu – ci rispunni la jaddhina –

picchì sti to’ palori ‘ccussì strammi?

Megghiu mi morirìa ‘nta gullittina

o puramenti sutta di lu trammi!”

 

“Si ‘mmazzirannu a tia, amuri caru,

su’ ‘bbona mi ci rumpu lu…panaru!”

 

La matina du chinnici è vinuta

e ‘ntra li casi tutti, c’è gran festa.

Sulu la jaddhineddha si sta muta;

‘a la vinnitta pensa ‘ntra la testa.

 

‘Na manu ‘nzicca, ‘ntantu, ‘ntra la jaggia

e ‘fferra lu jaddhuzzu. Oh, chi ‘rraggia!

 

C’un sautu, si ‘nni scappa la jaddhina

e supra ‘a beddha manu ‘i Pippineddha

ci ‘gghianta un muzzicuni ‘a ddha mischina

facennula svinìri, povireddha.

 

Mentri o’ spidali va la signurina

‘u jaddhu si ‘nni fui c’a jaddhina!

 

 

 

Filippo Panarello   

Agosto 1983 

 

Quindici agosto: galletti e galline

 

Addio-gli diceva un galletto / alla sua gallina preferita-  /  mi staccheranno, certo , il collo / e finirà, così, la mia bella vita! / Due giorni dura ancora il mio canto / e poi me ne vado al cimitero! / Amorino – gli risponde la gallina- / perché queste tue parole così strane? / Meglio morire nella ghigliottina / o diversamente sotto di un tram!" / Se ti ammazzeranno, amore caro, / sono buona a rompergli il…deredano!" / La mattina del quindici è arrivata / e in tutte le case, c'è gran festa. / Solo la gallinella si sta zitta; / alla vendetta pensa dentro la testa. / Una mano entra dentro la gabbia / e afferra il galletto.O che rabbia! / Con un salto se ne scappa la gallina / e sopra la bella mano di Peppina / gli pianta un morso a quella poveretta. / facendola svenire, poveretta, / Mentre la signorina va in ospedale / il gallo scappa con la gallina.

 


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.