(17/09/18) Da Messina ad Adua

Il 18 dicembre 1895 la città salutò festante gli uomini de...
Leggi tutto...

(17/09/18) Le strade militari di collegamento tra i Forti umbertini di Messina

Sulle Vie dei Cannoni. Studi preliminari. di Vincenzo Ca...
Leggi tutto...

(17/09/18) Messina e la Grande Guerra

Tratto da: Messina nella Prima Guerra Mondiale. Edito dalla ...
Leggi tutto...

(17/09/18) 1917. I sommergibili tedeschi nello Stretto di Messina

Messina nella Prima guerra Mondiale, Edas, Messina 2008 ...
Leggi tutto...
Mammuzza mia
AddThis Social Bookmark Button

Mammuzza mia, quannu mi lassasti
avia sett’anni appena e non capìa
lu bruttu jornu chinu di cuntrasti
senza cchiù suli chi pi’ mia briscia.


Mi dissiru: - To’ matri ora veni,
non chianciri pi’ pocu ti lassau; -
di tannu ‘numinciaru li me’ peni
di quannu me’ matruzza non turnau.


E comu n’arbureddu iò criscìa
all’umbra di la me’ ‘rannii svintura
non c’era nuddu chi pinzava a mia
comu un spirdutu ‘nta ‘na gran chianura.


Ma di lu celu un anciulu vigghiava
supra di mia e cu pirsiviranza,
‘u scuru d’a me’ vita illuminava
cu paroli di fidi e di spiranza!


E la prisenza soi mi cunsulava!...
Quannu ‘nte notti st’anciulu vinìa
‘ntra li so’ brazza iò m’addurmintavaa
‘ddi palori duci chi dicìa:


“Dormi amuruzzu miu tu si’ a me’luci”
Mi m’addurmisciu iddu mi cantava…
Quant’era armuniusa la so’ vuci…
A chidda di me’ matri assimigghiava.


Passau lu tempu, e quantu nn’ha passatu…
Mi fici vecchiu e penzu sempri a tia;
e lu me’ cori no, non t’ha scurdatu…
non t’ha scurdatu no, mammuzza mia! 

 

Mammina Mia

Mammina mia, quando mi hai lasciato / avevo appena sette anni e non capivo / il brutto giorno pieno di contrasti / senza più sole che per me sorgeva. // Mi dissero:- Tua madre ora viene, / non piangere per poco ti ha lasciato; / - d'allora incominciarono le mie pene / da quando mia madre non tornò. //  E come un alberello sono cresciuto / all'ombra della mia grande sventura / non c'era nessuno che mi pensava / come uno sperduto in una grande pianura. // Ma dal cielo un angelo vegliava / sopra di me e con perseveranza / il buio della mia vita illuminava / con parole di fede e di speranza! //   E la sua presenza mi consolava!... / Quando nelle notti quest'angelo veniva / nelle sue braccia io mi addormentavo / con le parole dolci che diceva:// " Dormi amoruccio mio tu sei la mia luce" / Per addormentarmi lui mi cantava.../ Quant'era armoniosa la sua voce.../ A quella di mia madre assomigliava.// E' passato il tempo, e quanto ne è passato... / Mi sono fatto vecchio e penso sempre a te;/ e il mio cuore no, non ti ha dimenticato.../ non ti ha dimenticato no, mammina mia.      


 
Indietro
copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.