(24/10/17) La Frutta Martorana

                    La...
Leggi tutto...

(24/10/17) La notte di Halloween

La notte del 31 ottobre si festeggia la notte di Hallowe...
Leggi tutto...

(24/10/17) Antiche tradizioni per la commemorazione dei defunti

La festa dei morti  è una ricorrenza della Chiesa catto...
Leggi tutto...

(24/10/17) C'era una volta...la Festa dei Morti

Nella nottata che passava tra il primo e il due di novemb...
Leggi tutto...
A tia, Missina cara!
AddThis Social Bookmark Button

Oh terra di pueti e cantarini,

‘unni la zagra di li mannarini,

‘unni li versi, assemi a li canzuni,

un paradisu fannu d’ogni agnuni.

Tu sì un giardinu chinu d’ogni ciuri,

‘unni ogni cori canta a lu so’ amuri.

Tu sì ‘a ‘cchiù beddha, fra tutti li beddhi,

chi dugna gioia puru e’ povireddhi.

 

Oggi, però, non sì chiddha ‘i ‘na vota!

‘Nni pari stanca e si girau ‘a to’ rota!

E li to’ figghi, ditti li “buddhaci”,

pari chi divintaru ‘cchiù ‘ncapaci!

E quannu ‘a terra si metti a trimari,

tuttu suppotti e non ti fai ‘strammari,

e di ‘sta terra, ditta “ballarina”,

sempri ‘cchiù nova nasci tu, o Missina!

 

Brinnisi fazzu a tia, Missina cara,

un tempu duci ed oggi accussì amara!

Nostra è ‘a to’ pena e puru li to’ affanni

e ‘u cori è chinu di duluri ranni.

Trova lu modu ‘i dariti da fari

e si oggi ‘gghiutti ‘sti buccuni amari,

fallu pì nui chi ti vulemu beni:

svigghiti e ‘gghetta a ‘mmari ‘sti to’ peni!

 

 

Filippo Panarello

 

A te Messina cara!

O terra di poeti e canterini,/ dove la zagara dei manderini,/ dove i versi, assieme alle canzoni,/ fanno di ogni angolo un paradiso./ Tu sei un giardino pieno di ogni fiore,/ dove ogni cuore canta al suo amore./ Tu sel la più bella tra tutte le belle,/ che da gioia anche ai poveri // Oggi, però, non sei quella di una volta!/ Non sembri stanca e la tua ruota si è girata!/ E i tuoi figli detti i "buddaci",/ sembra siano diventati più incapaci!/ E quando la terra si mette a tremare,/ tutto sopporti senza sconcertarti,/ e di questa terra, detta "ballerina",/ sempre più nuova nasci tu, o Messina!// Brindisi faccio a te, Messina cara,/ un tempo dolce e oggi così amara!/ Nostra è la tua pena e anche i tuoi affanni/ e il cuore è pieno di dolore grande./ Trova il modo di darti da fare/ e se oggi inghiotti questi bocconi amari,/ fallo per noi che ti vogliamo bene:/ svegliati e butta a mare queste tue pene!   


 
Indietro

AMAZON

copyright 2011 messinaierieoggi - Testi e fotografie di Pippo Lombardo
grafica sito web by mindtheSign

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. - Cookie Policy.

Accetto l'utilizzo dei cookies su questo sito.